"Giorno del ricordo": cerimonie svoltesi regolarmente nonostante l'atto vandalico compiuto questa notte

Foto del monumento senza targa
Foto del monumento senza targa

 Si sono svolte regolarmente, nonostante il grave atto vandalico compiuto nella notte da ignoti, che hanno staccato e rubato, in piazzale Martiri giuliano-dalmati delle foibe a Marghera, la targa in memoria dei profughi italiani nella seconda Guerra mondiale, le cerimonie programmate dal Comune di Venezia in occasione del "Giorno del ricordo" che si celebra oggi in tutta Italia.

    Alle ore 9.30, in piazzale Martiri giuliano-dalmati delle foibe, c'è stata la deposizione di una corona d'alloro, alla presenza del presidente del Consiglio comunale, Roberto Turetta, del presidente della Municipalità di Marghera, Flavio Dal Corso, del presidente dell'associazione Venezia Giulia Dalmazia di Venezia, Alessandro Cuk, delle autorità militari, delle associazioni combattentistiche. Alle 11, poi, nel Duomo di Mestre, si è svolta la messa di suffragio dei caduti e degli infoibati.

    "Quello compiuto questa notte - ha sottolineato Turetta - è un atto molto grave, frutto dell'intolleranza e dell'ignoranza: qualcuno continua a dimenticare che è stato deciso con una legge dello Stato, all'unanimità, di istituire questo 'Giorno del ricordo', che deve diventare patrimonio collettivo. Questi atti ci spingono ancora di più a celebrare questa ricorrenza."

    Costernazione anche da parte dell'associazione"Venezia Giulia Dalmazia" di Venezia, che raccoglie alcune migliaia di iscritti. "Purtroppo - ricorda il presidente Kuk - questo non è il primo atto vandalico compiuto: sinora si erano limitati a imbrattare la targa o a scrivere slogan offensivi, ma non erano ancora arrivati a questo punto."

    "Faccio un appello agli autori del gesto - ha concluso Turetta - perché ci facciano ritrovare integra la targa: in ogni caso il Comune di Venezia si impegna già adesso, a installarne a sue spese un'altra".
 
 
Mestre, 10 febbraio 2011 / uz

 
Un'immagine della cerimonia
Foto d'archivio della targa bronzea rubata

 

Attenzione: la pagina potrebbe avere contenuti non aggiornati


Questa pagina riporta informazioni provenienti dall'archivio del sito precedente.
I contenuti potrebbero non essere aggiornati.

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici e condividi su