Comportamenti non consentiti

Il vigente Regolamento di Polizia e Sicurezza Urbana del Comune di Venezia vieta alcuni comportamenti per soddisfare esigenze di tutela del decoro urbano e paesaggistico della Città, nonché per ragioni di sicurezza e rispetto delle norme igienico-sanitarie.

La violazione dei divieti comporta l'applicazione di sanzioni amministrative da 25 a 500 euro.

Non mangiare né bere seduto a terra, non sederti né sdraiarti a terra, su rive e fondamenta, monumenti, ponti, gradini, vere da pozzo, passerelle per l’acqua alta
Sanzione: da 100 a 200 euro
DASPO urbano (ordine di allontanamento immediato del trasgressore dal luogo in cui è stato commesso il fatto)

Non bagnarti, non tuffarti e non nuotare nei canali
Sanzione: 350 euro
DASPO urbano (ordine di allontanamento immediato del trasgressore dal luogo in cui è stato commesso il fatto)

Non gettare né abbandonare rifiuti
Sanzione: 350 euro

Non circolare a torso nudo né in costume da bagno
Sanzione: 250 euro

Non dare cibo a colombi e gabbiani
Sanzione: da 25 euro a 500 euro
(cfr. art. 24 del Regolamento Comunale di Igiene Urbana Veterinaria e sul Benessere degli Animali)

Non circolare in bicicletta, nemmeno se condotta a mano, né con altri cicli.
Sanzione: 100 euro 
* È possibile condurre la bicicletta a mano per il tragitto tra Piazzale Roma e la stazione dei treni di Venezia Santa Lucia, ossia nel tratto compreso tra Piazzale Roma, il Ponte della Costituzione, la fondamenta Santa Lucia, calle Favretti fino alla chiesa degli Scalzi. È possibile raggiungere Lido e Pellestrina con la bicicletta al seguito sui mezzi di trasporto pubblico: www.avmspa.it e www.terminalfusina.it

Non campeggiare né bivaccare
Sanzione: 200 euro
DASPO urbano (ordine di allontanamento immediato del trasgressore dal luogo in cui è stato commesso il fatto)