Faq: domande e risposte frequenti


PASTI
Cosa prevedono le “Linee di indirizzo per il miglioramento della qualità nutrizionale nella ristorazione scolastica" Regione del Veneto?Stabiliscono di limitare l’eccessiva assunzione di proteine, di alimenti manipolati industrialmente come prodotti da forno, precotti, fritture e d’incrementare il consumo di frutta e verdura, pesce, legumi, cereali integrali, cuocere i secondi piatti preferibilmente al forno dopo aver eliminato dalla carne i grassi visibili, somministrare la razione di carne e pesce in un’unica porzione (una scaloppina, una coscia di pollo, una sogliola), evitare l’eccessiva cottura, il soffritto.
Per maggiori informazioni visita la pagina normativa.
 
A quale temperatura deve essere servito il pasto?
Il pasto viene servito ad una temperatura >+60°C in caso di piatto caldo, e a temperatura ≤+10°C in caso di piatto freddo.
 
E’ possibile aumentare la grammatura della carne?
Le “Linee di indirizzo per il miglioramento della qualità nutrizionale nella ristorazione scolastica” stabiliscono che la quantità di carne prevista per i bambini dell’infanzia debba essere pari a 30 g. (peso a cotto). Alla Scuola Primaria il peso a cotto della carne è di 30 g. per il primo ciclo e 40 g. per il secondo.
Per maggiori informazioni visita la pagina grammature.
 
Il BIS è sempre previsto per ogni piatto del pasto?
Le "Linee di indirizzo per il miglioramento della qualità nutrizionale nella ristorazione scolastica" stabiliscono che “in mensa l’unico “bis” da incentivare sono i contorni di verdure (evitando le patate) e la frutta”.
 
Perchè nel menù alcuni tipi di frutta sono stati esclusi?
Alcune tipologie di frutta non vengono somministrate o perché contengono un nocciolo (susine) che rappresenta un potenziale pericolo per i bambini, o perché fortemente allergizzanti (ad es: kiwi, fragole). Inoltre, utilizzando prodotti biologici non si riesce sempre a reperire quantità sufficienti a soddisfare tutti gli utenti.
 
DIETE SPECIALI
Cosa si deve fare per richiedere la dieta speciale?
Gli utenti interessati dovranno accedere a decorrere dai primi giorni di settembre, al Portale della Ristorazione Scolastica del Comune di Venezia e scaricare la relativa modulistica.
Per maggiori informazioni visita la pagina diete speciali.
 
Cosa deve fare l’utente quando il figlio/a non necessita più di dieta speciale per motivi sanitari?
L’utente deve scaricare la modulistica ed inviarla con allegato il certificato medico, all’indirizzo: servizieducativi.terraferma@comune.venezia.it o 
servizieducativi.csi@comune.venezia.it, a seconda della scuola frequentata dal figlio/a se ubicata in terraferma o in centro storico e isole.
 
COMITATI MENSA
Cosa si deve fare per effettuare l’iscrizione e/o rinuncia al comitato mensa?
Gli utenti interessati dovranno accedere, dai primi giorni di settembre al 31 ottobre del corrente anno, al Portale della Ristorazione Scolastica del Comune di Venezia e scaricare la relativa modulistica.
Per maggiori informazioni visita la pagina comitati mensa.
 
Quanto rimane in carica un genitore iscritto al comitato mensa?
Il genitore rimane in carica tre anni complessivi, a partire dall’anno scolastico di riferimento in qui ha presentato la domanda.
 
Cosa deve fare un genitore se il figlio/a cambia sede o tipologia di scuola?
Il genitore dovrà comunicare tramite e-mail all’indirizzo ristorazionescolastica@comune.venezia.it eventuali cambi di sede o tipologia di Scuola frequentata dai figli (es: passaggio dalla Scuola dell’Infanzia alla Scuola Primaria o dalla Scuola Primaria alla Scuola Secondaria di I° grado).

Per segnalazioni, reclami e richiesta di informazioni  è disponibile lo sportello digitale DIME alla voce: "Segnalazionio chiamando il numero 041041.


Aggiornamento a cura del Servizio Ristorazione Scolastica

 

Ultimo aggiornamento: 15/09/2022 ore 11:26