News

Pubblicata sul sito del Comune l'indagine di mercato per il servizio pulizia pozzetti di calma rete mareografica; limite delle domande entro e non oltre le ore 10:00 del 29/6/2020

E' stato pubblicato alla pagina LINK l'Avviso pubblico esplorativo finalizzato ad un'indagine di mercato per l'acquisizione di manifestazioni di interesse per l'affidamento diretto, ai sensi dell’art. 36 comma 2, lett. a) e dell’art. 37 comma 1 (primo periodo) del D.Lgs. 50/2016, del servizio di pulizia dei pozzetti di calma della rete mareografica per il monitoraggio dei parametri meteomarini del Centro Previsione e Segnalazione Maree del Comune di Venezia, per il triennio 2020- 2022

 

08/06/2020  Pubblicato il report "Novembre 2019 un mese di maree eccezionali - Dinamica e anomalia dell'evento del 12 novembre 2019"

Il 2019 verrà a lungo ricordato per il numero straordinario di eventi meteo-marini eccezionali che si sono susseguiti tra novembre e dicembre. Le immagini dell’Aqua granda del 12 novembre hanno fatto il giro del mondo. Un evento dovuto a una sovrapposizione di quattro fenomeni: il picco della marea astronomica di sizigia; il livello medio insolitamente elevato del mare in Adriatico; il forte vento di Scirocco lungo il bacino Adriatico e non ultimo il passaggio nel Nord Adriatico e sulla laguna di Venezia di un ciclone di piccole dimensioni che ha provocato venti locali con raffiche di oltre 100 km/h.

Ma il livello di 187 cm raggiunto il 12 novembre (valore registrato dallo strumento CPSM di Punta Salute), che rappresenta il secondo livello più alto dal 1872, anno di inizio delle registrazioni, è solo la punta dell’iceberg di un novembre eccezionale. In una sola settimana, tra il 12 e il 17 novembre, la marea ha superato per ben 4 volte il livello di 140 cm, registrando così livelli che entrano tra i primi 20 degli ultimi 150 anni. In tutto il 2019, il livello del mare ha superato per ben 28 volte i 110 cm, livello in cui si allaga il 12% della città di Venezia, con una permanenza complessiva pari a circa 50 ore nel solo mese di novembre. Numeri che superano ampiamente i valori massimi raggiunti nei 150 anni precedenti, pari a 18 eventi in un anno (2010) e 24 ore complessive di permanenza (2012) sopra i 110 cm.

Il Centro Previsioni e Segnalazioni Maree del Comune di Venezia (CPSM), l’Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale (ISPRA), e l’Istituto di Scienze Marine di Venezia del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISMAR), che da anni collaborano per garantire il massimo profilo tecnico-scientifico alle attività di monitoraggio e previsione del livello del mare, hanno messo insieme le forze per un’analisi approfondita delle dinamiche meteo-marine di questi eventi di portata storica. Un’analisi possibile grazie alla notevole mole di dati acquisiti dalle reti mareografiche integrate del CPSM e dell’ISPRA, che, con un totale di 42 stazioni, garantiscono un monitoraggio capillare e in continuo dei principali parametri meteo-marini in Laguna di Venezia e in Alto Adriatico.

LEGGI IL DOCUMENTO

04/06/2020 Giovedi 4 giugno la marea ha raggiunto 116cm a Punta Salute alle ore 22:35 e 119cm in mare alle 21:50

Questo è il terzo valore per importanza registrato nel mese di giugno a Punta Salute:
116cm 04 giugno 2020 ore 22:35 
117cm 16 giugno 2016 ore 21:15
121cm 06 giugno 2002 ore 21:05

 

04/06/2020 Giovedi 4 giugno previsto un massimo di 120cm alle ore 22:30

Il passaggio di una rapida ma profonda perturbazione di carattere tardo primaverile porterà i suoi effetti sul livello marino in coincidenza del massimo della marea astronomica. I livelli sono anomali per il periodo, si invita pertanto la cittadinanza a seguire gli aggiornamenti delle previsioni attraverso i canali internet e allo 0412411996.

Si ricorda che il servizio posa passerelle in caso di acqua alta è attivo dal 15 settembre al 30 aprile.

03/06/2020  Giovedi 4 giugno alle ore 22.30 previsto un massimo di 115cm

Giovedi 4 giugno alle ore 22.30 previsto un massimo di 115cm. Il periodo stagionale tardo primaverile, rende l'evento alquanto improbabile dal punto di vista statistico. Ciononostante una perturbazione atlantica, non ancora completamente definita, porterà i suoi effetti sul livello marino proprio quando la sola marea astronomica toccherà un massimo di 83cm.

Il bollettino meteo dell'ARPA Veneto afferma: "Oggi il promontorio di matrice mediterranea, propaggine dell’alta pressione delle Azzorre, tende ad indebolirsi per l'avvicinarsi di una saccatura atlantica in discesa dal Regno Unito verso la Francia e in grado di influenzare marginalmente il tempo sull'arco alpino con maggiore insidia convettiva. Tra giovedì pomeriggio e venerdì mattina l'asse della suddetta saccatura transiterà sul nord Italia provocando un episodio di tempo instabile, assieme a un calo termico. Sabato il tempo migliorerà in parte, ma l'insidia convettiva persisterà al pomeriggio per il persistere di una circolazione ciclonica".

Per questo motivo si invita la cittadinanza a seguire gli aggiornamenti delle previsioni.

Negli ultimi vent'anni circa, nel mese di giugno sono stati registrati solo tre episodi sopra i 100cm:
117cm 16 giugno 2016 20:15
105cm 06 giugno 2009 20:10
121cm 06 giugno 2002 20:05

 

01/06/2020  Dalla sera di giovedi 4 a sabato 6 giugno: condizioni favorevoli al fenomeno dell'acqua alta.

Dalla sera di giovedi 4 a sabato 6 giugno: condizioni favorevoli al fenomeno dell'acqua alta. Il periodo stagionale tardo primaverile, rende l'evento alquanto improbabile dal punto di vista statistico. Ciononostante una perturbazione atlantica porterà i suoi effetti sul livello marino proprio nei giorni di sizigia quando la sola marea astronomica toccherà dei massimi superiori a 80cm. Per questo motivo si invita la cittadinanza a seguire gli aggiornamenti delle previsioni.

01/05/2020  Sospensione servizio di posa passerelle.

Informiamo la cittadinanza che con la fine della stagione mareale il servizio di posa passerelle è sospeso. Riprenderà il giorno 15/09/2020