Rilevazione Areale (A)

Nella rilevazione Areale vengono rilevate tutte le unità presenti all’interno delle aree di rilevazione campionate: tali aree vengono estratte dal Registro Statistico dei Luoghi dell’Istat, facente parte del Sistema Integrato di Registri (SIR), e corrispondono in alcuni casi a sezioni di Censimento (porzioni di territorio comunale), in altri casi a specifici indirizzi.

Sarà estratto un campione di indirizzi e/o sezioni di censimento, presso cui eseguire la rilevazione delle famiglie che vi dimorino abitualmente e delle abitazioni. Il numero previsto di famiglie residenti nel Comune di Venezia presso tali indirizzi/sezioni è pari a 837. Trattandosi di una stima, può differire dall'effettivo numero di famiglie da rilevare; d’altra parte, il fine della rilevazione è proprio verificare e migliorare la qualità degli archivi.

La rilevazione sul campo si articola in due fasi.

Fase 1: Ricognizione preliminare dell’area di rilevazione e verifica del territorio

Questa fase inizia il 1° ottobre e termina il 13 ottobre.

In questa fase il rilevatore, riconoscibile attraverso cartellino identificativo e dotato di tablet, percorrendo gli indirizzi/sezioni campione visualizzati in SGI, effettua una prima ricognizione finalizzata a conoscere il territorio, individuare e validare gli indirizzi/sezioni assegnati/e, affiggere le locandine, distribuire le lettere informative e individuare casi particolari che potrebbero creare difficoltà nella successiva fase di rilevazione porta a porta (es. edifici occupati, campi nomadi, situazioni dovute ad eventi naturali, ecc.). L’Ufficio Comunale di Censimento (UCC) coadiuva l’attività del rilevatore attraverso una ricognizione preliminare in back office delle sezioni e dei civici a lui assegnati assistendolo in merito a eventuali situazioni problematiche già note.
In questa fase non è possibile effettuare interviste.

Fase 2: Rilevazione porta a porta e presso il Centro Comunale di Rilevazione (CCR)

Questa fase inizia il 14 ottobre e termina il 18 novembre.
Il rilevatore, riconoscibile attraverso cartellino identificativo e dotato di tablet, si reca presso gli indirizzi validati nella fase precedente al fine di intervistare faccia a faccia (con tecnica CAPI) tutte le persone dimoranti abitualmente in famiglia presso gli indirizzi validati e rilevare le informazioni su tutte le abitazioni facenti capo agli stessi.
In questa fase il rilevatore NON deve disporre di alcuna informazione desunta dalle liste anagrafiche. L’UCC coadiuva il rilevatore in tutte le fasi sul campo (es. indirizzi problematici, famiglie che rifiutano l’intervista, ecc.), effettua il monitoraggio costante del lavoro dei propri rilevatori e interviene nei casi più critici.
Le famiglie, in alternativa, possono recarsi presso i Centri Comunali di Rilevazione (CCR) compilando il questionario elettronico, attraverso l’intervista faccia a faccia condotta da un operatore comunale o da un rilevatore, in una sede comunale anzichè presso la loro abitazione.