Il gatto

Per gatto di strada si intende ogni gatto abbandonato dai proprietari, oppure un gatto nato in libertà che, nell'ambiente urbano, ha trovato le condizioni favorevoli per vivere e riprodursi (colonie feline).

Il gatto urbano non vaga per la città senza una meta, è un animale estremamente territoriale, quindi la definizione di randagio non è proprio corretta. Pur non avendo un proprietario o detentore, il gatto ha sempre un punto di riferimento preciso dove fare ritorno.

Gli aspetti che caratterizzano queste popolazioni di gatti di strada sono:

  • la territorialità
  • l'organizzazione sociale a formare colonie ben definite composte da un numero variabile di maschi e femmine
  • la zonazione ben definita dei luoghi destinati all'alimentazione, allevamento della prole e al riposo
  • l'interrelazione con la persona, da cui dipende dal punto di vista alimentare ("gattara")
La presenza di gatti urbani spesso solleva problemi di natura igienicosanitaria, ambientale, sociale ed economica e quindi il controllo delle colonie feline è fondamentale ai fini della prevenzione delle patologie e per la tutela del benessere degli animali stessi.
 
Il gatto di strada e le colonie feline
Questi animali e il territorio dove vivono stabilmente godono di una speciale protezione legislativa (L. 281/1991 e L. Reg. 60/1993); inoltre è stabilito che le colonie di gatti senza padrone possono occupare luoghi pubblici e privati, non possono essere catturati, maltrattati e uccisi, né tanto meno spostati.

Il Settore Veterinario dell'Azienda ULSS competente per territorio, individua il servizio e le strutture che devono intervenire con attività propositive, di programmazione, di coordinamento ed effettivo controllo delle popolazioni feline in ambiente urbano. Spetta quindi all'Azienda ULSS la mappatura geografica e sanitaria delle colonie, il controllo numerico, lo stato di salute e la sterilizzazione dei gatti. Le associazioni protezionistiche riconosciute possono, tramite delle convenzioni con il Servizio Veterinario dell'Azienda ULSS, interessarsi alla sterilizzazione ed alla cura dei gatti urbani.

Il Settore Progetti Strategici e Ambiete del Comune di Venezia, attraverso il Servizio Igiene Ambientale, provvede al controllo delle aree dedicate al foraggiamento dei gatti da parte delle associazioni protezionistiche e provvede al mantenimento del rispetto delle norme igienico-sanitarie dei luoghi. Si occupa, inoltre, della gestione delle controversie derivanti dalla presenza di gatti urbani, fornendo informazioni sulla normativa vigente.

 
Il gattile comunale
Situato dietro il centro abitato di Malamocco al Lido di Venezia, è gestito dall'associazione Dingo, ospita gli animali sequestrati o ricoverati su segnalazione della Pubblica Autorità e quelli randagi recuperati sul territorio comunale.
Per adottare un gatto:
Tel/fax 041 5265002
Sito internet: http://www.dingovenezia.it/
E-mail: info@dingovenezia.it, adozioni@dingovenezia.it
 
Per saperne di più su adozione, aspetto sanitario, custodia, abbandono, ecc.
scarica il libretto
Animali in città (tutto il volume)
 

 La pubblicazione può essere scaricata ma la diffusione del testo, o parte di esso, deve rispettare l'integrità e riportare la citazione chiara di autori e provenienza

Info e contatti:
Servizio Igiene Ambientale e Polizia Mortuaria - Animali
email: tutela.animali@comune.venezia.it
Tel: 041 274 7924 -7951

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici e condividi su