Iniziative di raccolta rifiuti abbandonati (clean-up)

Che cosa si intende per iniziativa di "clean-up"?

Il "clean up" è una iniziativa sociale che ha l'obiettivo di contribuire a combattere il problema globale dell'inquinamento da rifiuti solidi abbandonati o smaltiti illegalmente. L'iniziativa consiste nell'organizzare azioni di pulizia (raccolta di rifiuti) che si svolgono normalmente nell'arco di una giornata. Le attività di "clean up" spesso sono realizzate all'interno di aree naturali protette, la cui fruizione è limitata per motivi di conservazione e tutela della flora e della fauna presenti.

Dal 1° luglio 2023  è necessario presentare una ISTANZA volta ad ottenere l'autorizzazione per la realizzazione di iniziative di pulizia (cd "clean up" ) organizzate da cittadini/associazioni nel territorio comunale di Venezia.

Come procedere per ottenere l'autorizzazione?

L’organizzatore dell’attività di “clean up” (associazione del terzo settore/impresa/scuola/istituto/gruppo di amici) attraverso il proprio rappresentante, deve presentare almeno 30 giorni prima della data prescelta, una ISTANZA/RICHIESTA da inviare a:
Comune di Venezia
Settore Bonifiche e Valutazioni Ambientali
Servizio Rifiuti, Biodiversità, Aria e Clima

via PEC: territorio@pec.comune.venezia.it (obbligatorio per i soggetti giuridici e per il rispetto dei  tempi di procedimentali);
oppure
via email: servizio.ambiente@comune.venezia.it;

Nell'istanza devono essere indicati:
- nominativo e documento identità del referente dell’iniziativa;
- luogo esatto/area in cui si svolgerà l'iniziativa (allegare mappa con indicata l'area designata);
- breve descrizione dell’iniziativa (programma, orario inizio e fine evento, numero indicativo dei partecipanti, modalità di svolgimento, ecc);

Il modello dell'istanza è scaricabile ai seguenti link
istanza per iniziativa di pulizia "clean up" (PDF)
> istanza_per iniziativa di pulizia "clean up" (versione editabile) 

Che cosa avviene dopo la presentazione dell'istanza?

La finalità principale di questa istanza è di permettere al Comune di verificare che l’attività di raccolta dei rifiuti volontaria venga effettuata nel rispetto delle prescrizioni normative in materia di rifiuti e di tutela ambientale e  che non interferisca con la gestione effettuata VERITAS spa.

Saranno predisposte delle prescrizioni in caso di aree sottoposte a tutela ambientale e nei casi di acclarata incompatibilità sarà possibile diniegare l’autorizzazione e/o proporre un altro luogo più idoneo. Particolare attenzione è riservata alle aree naturali protette di Alberoni, Ca' Roman, S. Nicolò, alle barene/isole della laguna di Venezia, alle aree del Bosco di Mestre e in particolare al biotopo protetto del Bosco di Carpenedo.

L’istanza permetterà agli uffici:

  • di coordinare le diverse iniziative, evitando sovrapposizioni;
  • di avvertire il gestore del servizio pubblico VERITAS ai fini della fornitura dei contenitori, del trasporto del rifiuto raccolto e/o assicurarsi del suo eventuale supporto in loco;
  • di informare i soggetti competenti quando necessario (Polizia Locale, servizio Verde Pubblico, servizio Bosco e Grandi Parchi, servizio Valutazioni Ambientali...)
  • di definire le prescrizioni a cui attenersi nel caso l’area prescelta lo richieda (aree protette S.Nicolò, Alberoni, Ca' Roman e Bosco di Carpenedo)
Dove si possono organizzare queste attività?

 Al fine di evitare di interferire con le normali attività di gestione dei rifiuti e di pulizia del territorio da parte di VERITAS, è possibile autorizzare clean up:

  • nelle aree dove non si eseguono pulizie  programmate;
  • in altre aree in cui, per la frequenza di intervento di pulizia del gestore, la raccolta dei rifiuti organizzata dai volontari non interferisce con gli interventi programmati;
Cosa si può raccogliere?

Possono essere raccolti solo rifiuti di natura antropica (per esempio mozziconi di sigarette, cartine, bottigliette, imballaggi di plastica e metallo, ecc...), mentre non possono in alcun modo essere raccolti rifiuti pericolosi (es: amianto) o aventi natura ignota, per i quali va fatta apposita segnalazione al Gestore che provvederà alla raccolta/trasporto e relativo smaltimento. Nel caso di raccolta di rifiuti ingombranti sugli arenili, è necessario disporre dell'autorizzazione al transito dei mezzi per il trasporto. I rifiuti raccolti vanno differenziati secondo le modalità in vigore nell’area interessata.

SI RICORDA che gli organizzatori dell'iniziativa di raccolta dei rifiuti sono responsabili di eventuali danni recati a persone, cose e ambiente e manlevano il Comune di Venezia da ogni responsabilità civile e penale derivante dall'iniziativa. Eventuali spese dirette o indirette derivanti dall'attività saranno a carico del soggetto organizzatore.

SI PRESCRIVE di fornire o far indossare gli adeguati dispositivi di protezione individuale a tutti i partecipanti alla raccolta, in primis i guanti e calzature coperte (evitare ciabatte e/o infradito anche se in spiaggia)e di tutelare i soggetti volontari con idonea copertura assicurativa.

L’autorizzazione che verrà rilasciata ha validità per la data prevista dell’iniziativa e si riferisce esclusivamente all’attività di raccolta rifiuti. Per ogni ulteriore attività che esula dalla raccolta rifiuti (occupazione suolo pubblico, pubblicità, ecc...)  sarà necessario acquisire gli specifici titoli abilitativi previsti dalla normativa vigente.

Come ci puoi aiutare?

L’iniziativa può servire a monitorare le quantità e le tipologie di rifiuti dispersi in natura. Per tale ragione, contestualmente alla autorizzazione, verrà consegnato un modulo per la rilevazione dei rifiuti raccolti da restituire via e-mail a servizio.ambiente@comune.venezia.it.

RICORDA: sulla base dell'art. 18 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, è necessario comunicare alla Questura di Venezia la realizzazione dell’iniziativa di “clean up” ALMENO 3 GIORNI PRIMA,  inviando una email all'indirizzo dipps192.00F0@pecps.poliziadistato.it

Contatti:
Vai ai contatti dell'ufficio competente in materia


Per richiesta di informazioni/segnalazioni/reclami è disponibile lo sportello digitale DIME alla voce "Segnalazioni", "reclami" oppure il centralino telefonico 041041.

 

Ultimo aggiornamento: 29/02/2024 ore 11:10