Affissioni - fino all'anno 2020

immagine di un pennello

Il servizio delle pubbliche affissioni è il servizio svolto dal Comune per affiggere, in appositi impianti a ciò destinati, manifesti costituiti da qualunque materiale idoneo, contenenti comunicazioni aventi finalità istituzionali, sociali o comunque prive di rilevanza economica e, nella misura prevista dall'art. 3 del D.Lgs. 507/93, di messaggi diffusi nell'esercizio di attività economiche.

Il servizio delle pubbliche affissioni è disciplinato dal relativo regolamento in conformità al decreto legislativo di riferimento, per informazioni su normativa, regolamento vai alla pagina Normativa e Regolamento affissioni.

Le pubbliche affissioni sono soggette ad un diritto a favore del Comune che provvede alla loro esecuzione ed è dovuto da chi richiede il servizio e da colui nell'interesse del quale il servizio stesso è stato richiesto.

A chi si rivolge
A tutti coloro che ne fanno richiesta.
 
Cosa fare per
Il richiedente deve presentare istanza utilizzando il modello di seguito riportato:
La richiesta debitamente compilata va presentata:
I manifesti non vanno più consegnati al Settore Tributi, ma alla ditta AR PROMOTION, Via della Pila 105/B, Marghera con il seguente orario: da lunedì a venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30.
 
Per ulteriori informazioni consultare il Vademecum Pubbliche Affissioni.
 
Quanto costa
Per informazioni sui costi e tariffe a carico degli utenti consultare la pagina Tariffe.
 
Il pagamento di quanto dovuto, può essere effettuato con bollettino postale sul conto corrente n°19216308 intestato al Comune di Venezia, con bonifico codice IBAN IT22 V0760102 0000 0001 9216 308 oppure direttamente presso l’ufficio con Bancomat o Carta di Credito.
 
 

Per informazioni sul trattamento dei dati personali visita la pagina dedicata: "Informativa trattamento dei dati personali


Per segnalazioni, reclami e richiesta di informazioni  è disponibile lo sportello digitale DIME alla voce: "Segnalazioni"


Aggiornamento a cura del Servizio Gestione Canoni e Diritti, marzo 2021