Inaugurato al Parco di San Giuliano il nuovo percorso di educazione stradale

    Educare alla sicurezza stradale giocando: si potrebbe spiegare con questi due verbi il senso del nuovo percorso di educazione stradale (campo scuola) inaugurato oggi al Parco di San Giuliano. Il nuovo strumento di prevenzione e di educazione alla sicurezza stradale è nato da un'idea condivisa fra il Comando della Polizia municipale e l'associazione PASAV (Precedenza alla Sicurezza), ed è stato portato a termine dall'Amministrazione comunale con la fattiva collaborazione dell'Istituzione Bosco e Grandi Parchi.

    Il percorso, una vera e propria strada in miniatura con tanto di incroci, semafori, segnaletica, passaggi a livello, si snoda per circa 400 metri lineari nei pressi della Porta Rossa del Parco. La pista, costruita con materiale ecocompatibile e posta alla stessa quota del piano verde, non altera l'aspetto del terreno ed ha una colorazione che si integra con il cromatismo dell'ambiente circostante. E' corredata da 50 segnali stradali di prescrizione, divieto, obbligo, indicazione; 1250 metri di segnaletica orizzontale; un passaggio a livello con semi-barriere; opere di arredo quali panchine, portabiciclette, piccole tribune a gradoni. Il costo complessivo dell'opera è di circa 70 mila euro.

     A presiedere alla cerimonia di inaugurazione  l'assessore comunale alla Mobilità e Traffico, assieme al comandante generale della Polizia municipale, Luciano Marini, al presidente della Municipalità Mestre Carpenedo, al presidente dell'Istituzione Bosco e Grandi Parchi, Giovanni Caprioglio, al presidente dell'associazione Pasav, Cristiano Invaso, a vari consiglieri comunali.

    “Abbiamo atteso da molto tempo questo giorno – ha detto visibilmente soddisfatto il comandante Marini – perché da ora in poi avremo un vero e proprio circuito dedicato alle attività di educazione stradale che servirà ad insegnare al meglio ai ragazzi i corretti comportamenti da adottare per essere, in futuro, utenti modello della strada”.

    “Una bellissima giornata per Mestre, poiché quest'opera darà un contributo importantissimo all'educazione  dei nostri giovani e garantirà, per il futuro, una città più vivibile”. Con queste parole l'assessore alla Mobilità ha voluto salutare i moltissimi ragazzi che, assieme ai loro professori, hanno partecipato all'inaugurazione, che è stata preceduta da una serie di dimostrazioni sulle attività legate alla sicurezza stradale da parte dei vari reparti della Polizia municipale, della Protezione Civile, dei Vigili del Fuoco, della Motorizzazione civile, della Croce Verde.

    “Questo percorso – ha continuato l'assessore – è all'altezza di quelli delle grandi città italiane ed europee e devo ringraziare l'ente Parco, che con grande disponibilità e lungimiranza ha saputo cogliere questa occasione. Con questa pista abbiamo reso più fruibile ed interessante il Parco, dandogli nuove funzioni e integrandolo ancora meglio con la città, che conta ormai oltre 130 chilometri di piste ciclabili, in ulteriore sviluppo. Vorremmo che l'attuale tendenza delle percorrenze sulle strade cittadine, attestate al 40% di passaggi in bicicletta e al  60% in auto, si invertisse. Se arriveremo, anche grazie ad opere come quella che si inaugura stamattina, a questo risultato, avremo portato anche Mestre all'altezza delle sfide europee e dato maggior sicurezza ai cittadini”.

 
Mestre, 16 maggio 2014 / po

 
foto 1foto 2
foto 3

 
 

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su