Rischio Idropotabile

Cosa fa la Protezione Civile

Al manifestarsi dell'evento, qualora l'intensità del fenomeno sia tale da minacciare la salute pubblica, deve essere attivato il C.O.C. (Centro Comunale Operativo) presso l'Unità Operativa di Protezione Civile.
In caso di eccezionale ed accertata gravità ed in accordo con Prefettura, Regione e Provincia, dovrà essere diramato il messaggio per invitare la popolazione a non usare l'acqua distribuita dalla rete idrica. Saranno inoltre attivate le procedure per l'organizzazione della distribuzione di acqua potabile per la popolazione, con priorità per i punti sensibili (ospedali, case di riposo, ecc.), che dovranno essere contattati per verificare il livello di autonomia e pianificare gli interventi di soccorso necessari.

All'autorità sanitaria è affidato il compito di proporre al comune l'adozione dei provvedimenti cautelativi sulle acque necessari alla tutela della salute degli utenti, procedendo ove necessario, con la collaborazione degli Uffici Tecnici e dai gestori dell'acquedotto, all'individuazione della natura e delle cause del processo e promuovendo l'adozione degli opportuni atti necessari al risanamento ed alla promozione della qualità della risorsa idrica compromessa.

IL Sindaco o suo delegato a seguito al comunicato di grave inquinamento dell'acqua potabile in distribuzione provvede a:

 
  • attivare il C.O.C. (Centro Comunale Operativo);
  • avvisare ARPAV per campionamento acque e ASL per il giudizio di qualità e la definizione del tipo di rischio;
  • avvisare Regione, Prefettura e Provincia;
  • attivare la procedura di emergenza per l'emissione di avvisi alla popolazione;
  • sovrintendere all'organizzazione di punti di distribuzione di acqua ad uso potabile per la popolazione;
  • mantenere costanti contatti con gli organi di informazione.
 
Nuovi impianti di potabilizzazione
 
Acquedotto
 
 

In caso di prolungata sospensione della distribuzione di acqua per uso potabile, l'Unità Operativa di Protezione civile provvederà a contattare i punti sensibili per verificare eventuali fabbisogni e, all'occorrenza, dovrà provvedere alla costituzione di punti di distribuzione di acqua, per uso potabile, alla popolazione.
Del ripristino della situazione di normalità dovrà essere dato tempestivo avviso alla popolazione.

 

Cosa deve fare il cittadino

Seguire le indicazioni fornite dalle forze dell'ordine e dai volontari della Protezione Civile
Consultare il sito internet del comune per avere maggiori informazioni