Protezione Civile e salvaguardia beni culturali. Rilevazione e pianificazione di emergenza dei beni dell'Archivio storico comunale e del Fondo fotografico Giacomelli

Programma cui fa capo il progetto:
Arte e cultura a Venezia: salvaguardia, promozione e diffusione 
 
Codice Progetto: PTXSU0016920011465NXTX
Area di Intervento: Previsione dei rischi 
DURATA: 12 mesi - 5 giorni a settimana, 25 ore settimanali per un monte ore annuo: 1145 
Totale 6 posti, senza vitto e alloggio 
 
Obiettivo del progetto:  
Concorrere alla salvaguardia del patrimonio storico-archivistico della città di Venezia, aumentando la consapevolezza del valore documentale raccolto nell’archivio storico del comune e nel fondo Giacomelli, della necessità di interventi per la sua tutela preventiva a fronte della previsione o del verificarsi di eventi calamitosi,  e dunque della necessità di interventi di pianificazione della emergenze, di messa in sicurezza e attraverso il miglioramento delle condizioni di conservazione,  descrizione e fruibilità dei suoi contenuti.
 
Attività d'impiego degli operatori volontari
(suddivise per sede)
 
PROTEZIONE CIVILE 
 
Sede:
Via Lussingrande, 5 Mestre 
Codice Sede: 171744 
Posti disponibili: 2 
Contatti :
Marco Calligaro 041 274 6810
e-mail: marco.calligaro@comune.venezia.it
Valentina Sergi  041 2746818 
e-mail: valentina.sergi@comune.venezia.it
Telefonare preferibilmente in orario dalle 9:00 alle 13:00.
 
 
  • Analisi e inquadramento territoriale di ciascuno dei due siti considerati, tramite supporti informatici S.I.T.
  • Analisi e valutazione dei vari fattori di rischio a cui è soggetto ogni sito.
  • Stima dell’indice di vulnerabilità di ciascun sito.
  • Studio delle eventuali misure preventive da adottare al fine di diminuire la frequenza degli accadimenti calamitosi o i danni attesi.
  • Redazione della pianificazione di emergenza delle opere d’arte in caso o in previsione di calamità nei siti individuati.
  • Sopralluoghi in ciascuno dei siti considerati, redazione dell’elaborato tecnico che illustra l’indice di vulnerabilità di ogni sito e  individuazione degli scenari di rischio attesi in ciascuno dei due siti considerati. 
 
ARCHIVIO STORICO COMUNALE 
 
Sede di Mestre:
Via Pertini, 16 Mestre 
Codice Sede: 171706 
Posti disponibili: 1 
Contatti: 
Chiara Scarpa
0412746211)
email: chiara.scarpa@comune.venezia.it
 
Sede di Venezia:
Castello, 2737/a Campo della Celestia 
Codice Sede: 171707 
Posti disponibili: 1 
Contatti: 
Andrea Nordio
Telefono: 0412747102
email: andrea.nordio@comune.venezia.it
 
  • Riordino, ricollocazione, ricondizionamento, schedatura informatizzata del materiale documentario. 
  • Revisione del database informatico 
  • Riproduzione digitale e messa in sicurezza dei registri cartacei 
  • Produttori di materiali per l’elaborazione dei risultati del progetto. 

 

FONDO FOTOGRAFICO GIACOMELLI 
 
 
Sede: 
San Marco, 4128 Venezia 
Codice Sede: 171711 
Posti disponibili: 2 
Contatti:
Silvano Venier tel. 0412748779
email: silvano.venier@comune.venezia.it
 
  • Attività di controllo/monitoraggio delle immagini (inventario) presenti nell'Archivio Comunale della Celestia.
  • Verifica delle registrazioni inventariali (dati identificativi, descrittivi ecc.), nonché nel relativo controllo ed eventuale correzione-integrazione della scheda-inventario informatizzata quando già esistente.  Nel contempo sarà attuato sull’immagine il controllo dello stato conservativo. 
  • Attività di acquisizione digitale delle immagini in alta definizione presenti nell'Archivio Comunale della Celestia.
  • Attività di catalogazione e pubblicazione delle immagini presenti nell'Archivio Comunale della Celestia.  

 

EVENTUALI PARTICOLARI CONDIZIONI ED OBBLIGHI DI SERVIZIO ED ASPETTI ORGANIZZATIVI: 

Per tutte le sedi: 

Considerato che il Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale ha riconosciuto, in talune situazioni, la possibilità di modalità di lavoro da remoto, come ad esempio per l'emergenza COVID-19 (Circolare del 4 aprile 2020), si prevede che,   qualora il Dipartimento ne dia indicazione, le attività possano essere realizzate “sul campo” (cioè presso la sede originaria di attuazione del progetto o presso la sede di altro ente, anche sulla base di gemellaggio), ottemperando a quanto previsto dalle normative vigenti in termini di spostamenti e di distanziamento sociale, oppure realizzate “da remoto” (ossia il volontario opera presso il luogo in cui dimora). Può avvenire che per una singola sede parte degli operatori volontari svolga attività sul campo e parte da remoto. 
Gli operatori Volontari avranno il ruolo di collaboratori degli operatori coinvolti nella realizzazione del progetto in tutte le attività correlate (back office, segreteria, predisposizione materiali e altro che concorrono alla realizzazione diretta/indiretta del progetto). 
 
Formazione specifica: 77 ore