Ondate di Calore

Omino sotto il sole

Che cos'è un'ondata di calore ?

Un'ondata di calore consiste nel perdurare, per almeno 3 giorni, di condizioni di elevata temperatura (intorno ai 30° C) e di elevato tasso di umidità.
Gli effetti differiscono notevolmente a seconda, non solo dei parametri di salute della persona esposta, ma anche di fattori ambientali: lo stato di inquinamento di una città, così come fattori socio-economici, sono elementi che contribuiscono a determinare l'effetto finale del calore sulla salute.
In certi casi il caldo rende manifesta una realtà di solitudine e di abbandono, non solo degli anziani, ma anche di quella parte di popolazione più fragile, che è meno in grado di esprimere i propri bisogni.
Quindi al di là delle condizioni meteorologiche, occorre anche considerare i fattori favorenti il rischio derivante dalle ondate di calore (condizioni socio-economiche, l'età avanzata e/o la presenza di alcune specifiche patologie, l'isolamento e la solitudine, ecc.)

 

Cosa fa la Protezione Civile a livello nazionaleSole a picco

A partire dall'estate del 2004 il Dipartimento della Protezione Civile ha attivato un Sistema Nazionale di sorveglianza, previsione ed allarme per la prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute della popolazione, in alcune città campione (tra le quali vi è Venezia).
Dal 15 maggio al 15 settembre di ogni anno emana quotidianamente un bollettino di allarme graduato per ciascuna di queste città, con le previsioni del livello di allerta dei tre giorni successivi. Il bollettino tiene conto, oltre che delle previsioni meteorologiche delle 72 ore successive, anche di altri paramenti quali la presenza di masse d'aria umida e le eventuali variazioni del tasso di mortalità.

 
Ragazza che si bagna le mani

Cosa fa la Protezione Civile a livello locale

Ogni anno il Comune di Venezia predispone il "Piano di risposta agli effetti sulla salute delle ondate di calore", in collaborazione l'Azienda ULSS 3 Serenissima.
In particolare, le azioni di prevenzione vengono indirizzate verso le persone cosiddette "suscettibili", individuate secondo i criteri proposti dal Ministero della Sanità ed inseriti nell'Anagrafe dei Suscettibili. 
Le principali azioni messe in atto, per ciascun livello di allerta, sono di seguito riassunte.

Disagio assente - livello Zero (colore VERDE)
Gli interventi di base sono quelli normalmente posti in essere da parte dei competenti Servizi del Comune di Venezia dell'AULSS 3 Serenissima, ed in particolare:

  • Assistenza tutelare, cure familiari
  • Telesoccorso, telecontrollo
  • Assistenza Domiciliare Integrata
  • Trasporti dedicati
  • Ricoveri di sollievo
  • Accesso ai Centri Diurni per Anziani
  • Inserimenti presso i Centri Servizi a carattere temporaneo
  • Accesso ai Centri Anziani climatizzati
  • Accesso ad alcuni Musei Civici Veneziani climatizzati
  • adeguata formazione degli operatori impegnati nell'assistenza

Disagio debole/moderato - livelli 1 e 2 (colore ARANCIO)
Gli interventi del livello precedente vengono così integrati:

  • telesoccorso: incremento del monitoraggio attraverso l'aumento delle telefonate di controllo
  • incremento dei posti di sollievo, se necessario, all'interno delle strutture già individuate
  • centro diurno: aumento delle giornate di frequenza
  • trasferimenti in luoghi climatizzati a cura di aziende convenzionate per il trasporto
  • se necessario, incremento del servizio di spesa e medicinali a domicilio
  • controllo assunzione farmaci, supervisione assunzione pasti ed altre prestazioni se necessarie

Disagio intenso - livello 3 (colore ROSSO)
Gli interventi del livello di disagio debole/moderato sono così integrati:

  • telesoccorso - telecontrollo: ulteriore incremento del monitoraggio
  • incremento degli accessi a domicilio con interventi quotidiani
  • utilizzo straordinario di altri locali climatizzati e, se necessario, facilitazione dell'accesso con trasporto dedicato.

In caso di persistenza della situazione di disagio intenso per tre giorni consecutivi è previsto l'utilizzo di strutture residenziali per anziani, presenti nel Comune di Venezia, per l'ospitalità diurna. Tale attività vede la collaborazione anche dei Volontari dei Gruppi comunali di Protezione civile.
 

Refrigerio con i piedi a molloCosa fare in caso si sia colpiti da un "colpo di calore"

Rivolgersi immediatamente al proprio Medico di Famiglia. Questi è la prima persona da interpellare; è lui che meglio conosce la situazione fisica di ogni componente della famiglia ed è in grado di individuare la sintomatologia esposta e di conoscere in modo esatto le corrette procedure da mettere in atto.
Durante le ore notturne oppure in caso di assenza del medico di famiglia è opportuno ricorrere al Servizio di Guardia Medica esistente nel nostro territorio.

Nel caso di un malore improvviso o in presenza di condizioni tali da far temere un serio pericolo, è bene allertare immediatamente il Servizio di emergenza sanitaria, chiamando il 118.

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici e condividi su