Narrazioni digitali

a cura di Associazione Culturale Gooliver, con la partecipazione di Associazione Hamelin
 
Finalità
Gli strumenti tecnologici sono oggi supporti, inseparabili, della comunicazione quotidiana giovanile e non solo. La rete come luogo per informarsi, formarsi e stare in relazione con il mondo. L’attività si propone di fornire strumenti creativi, per raccontare e raccontarsi, attraverso la realizzazione di prodotti digitali da condividere in un percorso. Vogliamo fornire tecniche e occasioni di pensiero per un uso intelligente dell’ambito social attraverso la rielaborazione delle suggestioni nate dalla lettura e trasformate in brevi video in cui i ragazzi diventano protagonisti e autori.
 
Attività
Laboratorio interattivo finalizzato alla realizzazione di video su alcuni romanzi condivisi. Il progetto è costituito da 9 incontri rivolti a due classi, che verranno suddivise in due gruppi composti da un numero di ragazze e ragazzi tra i 10 e 15, con la possibilità di richiedere la partecipazione in Alternanza Scuola lavoro. Durante il percorso formativo saranno forniti gli strumenti tecnici, didattici e il know-how necessario per consentire ai ragazzi di produrre da una parte dei brevi booktrailers, dall’altra delle recensioni sui romanzi in stile youtuber (cellulare attivato in modalità selfie). Si affronteranno tutte le fasi della lavorazione: dall'ideazione e stesura del concept, alla produzione dei contenuti, fino alla post-produzione finale, con particolare attenzione agli spunti e alle riflessioni che gli stessi ragazzi forniranno. In quest'ottica i partecipanti divengono “autori” all'interno di un team di professionisti, sperimentando i vari ruoli e dando vita alla loro creatività.
 
Contenuti e fasi del laboratorio
 
1 - Formazione sulle proposte di lettura del progetto Xanadu. 1 incontro on line (1 ora e trenta minuti)
L’Associazione Hamelin, presenterà il sito e la bibliografia Xanadu, illustrando i percorsi di lettura, i temi e i libri proposti per l’edizione 2020-2021, raccontando alcune storie che fanno parte della metropolitana, leggendo e tentando di coinvolgere ragazze e ragazzi in un dialogo sui libri e sui diversi collegamenti tra di essi.
 
2 - Storytelling. Cosa e come raccontare. 3 incontri (se on-line 1 ora e trenta minuti, se in presenza 2 ore).
Formatore: Gerassimos Valentis, sceneggiatore e filmmaker. In questa prima fase prende forma il progetto in un interscambio tra i ragazzi e il formatore sulla base delle letture precedentemente scelte durante gli incontri condotti dall’Associazione Hamelin. Gli obiettivi concreti sono: la stesura di uno script e/o storyboard per ciascun testo narrativo; la definizione del mood; la verifica della reale fattibilità, gli strumenti operativi tecnici e digitali con cui proseguire il lavoro.
 
3 - Realizzazione contenuti. Carta, colori e computer! 2 incontri (se on-line 1 ora e trenta minuti, se in presenza 2 ore ).
Formatore: Lisa Marinetto, insegnante di discipline grafiche e fotografiche. Nello specifico si realizzeranno, con l'ausilio di materiali forniti dal team, fotografie, disegni, composizioni con oggetti ed altro ancora, sulla base dello script. Saranno inoltre scelti gli strumenti tecnici operativi (es. applicazioni open source) con cui proseguire l'interazione digitale tra contenuti inediti e le risorse web.
 
4 - Coaching voce. Come usare la voce. 1 incontro (se on-line 1 ora e trenta minuti, se in presenza 2 ore ).
Formatore: Paolo Franciosi, attore, regista e docente di teatro. Saranno date nozioni essenziali sul significato e l'uso della voce off con dimostrazione pratica e supervisione della registrazione audio dei booktrailers. In base allo script e alle scelte maturate, gli stessi ragazzi diventeranno i narratori del loro booktrailer.
 
5 - Animazione e montaggio. Il booktrailer è pronto! 2 incontri (se on-line 1 ora e trenta minuti, se in presenza 2 ore).
Formatore: Eugenio Cappello, videomaker, montatore, insegnante di fotografia e di educazione al linguaggio. Chiusura del progetto con assemblaggio di tutti i contenuti audiovisivi (compresi titoli e musiche) con l'apprendimento dell'uso di un software di editing video open source. La scelta precisa delle applicazioni digitali verrà definita in base alle necessità emerse nella prime fasi del percorso formativo, alle specifiche caratteristiche dei video e concordate con le effettive possibilità dei ragazzi. Per tutte le fasi del laboratorio è possibile organizzare lezioni on-line su piattaforme free, per pc e smartphone. In questo caso la produzione dei contenuti da parte dei ragazzi si adeguerà ragionevolmente alle possibilità pratiche consentite dall’edizione virtuale.
 
Output Finale
L’output finale sarà costituito da due differenti tipologie di video:
 
A. Booktrailers con uno stile che prevede l'interazione tra disegno e fotografia, oggetto reale, immagine video e animazione, riservando una particolare cura al sonoro (voce, musica, rumori e suoni naturali) capace di evocare atmosfere e sentimenti. L'obiettivo è creare un prodotto significativo, potenzialmente di ampia diffusione, i cui contenuti siano concretamente realizzati dai ragazzi e possa rispondere alla loro sensibilità estetica, stimolata dalla conoscenza delle nuove tecnologie e da nozioni di narrativa audiovisiva.
 
B. Videorecensioni realizzate con gli smartphone da produrre con uno stile giovane e leggero che prevede di valorizzare soprattutto il punto di vista personale dei ragazzi sui libri letti, cercando di utilizzare il loro approccio spontaneo davanti alle camere in stile selfie. L’obiettivo è creare dei contenuti che possano trovare l’empatia da parte degli altri ragazzi che vedranno in rete i filmati.
 
Al progetto hanno aderito due classi del Liceo Classico Raimondo Franchetti ed una del Liceo Scientifico Statale Ugo Morin