Imposta di Soggiorno

logo sponsor dell'imposta di soggiorno del Comune di Venezia

sezione in aggiornamento

15/03/2021


Istituzione dell'imposta

Il decreto legislativo 14 marzo 2011 n. 23 ha dato facoltà ai Comuni di istituire l'Imposta di soggiorno il cui gettito è destinato a finanziare interventi in materia di turismo, interventi di manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali locali, nonché dei relativi servizi pubblici locali.
 
Il Comune di Venezia, con delibera del C.C. n. 83 del 23-24 Giugno 2011, ha introdotto l'Imposta di soggiorno con decorrenza 24 agosto 2011.

L'imposta deve essere applicata su tutti i pernottamenti di non residenti in strutture ricettive, alberghiere, complementari, all’aperto, alle locazioni turistiche e agli agriturismi, collocate sul territorio del Comune di Venezia, ed è calcolata per ciascun pernottamento applicando alla tariffa base eventuali riduzioni.

La legge ed il regolamento comunale prevedono alcuni obblighi per il gestore della struttura ricettiva quali l’applicazione dell’imposta per i soggiorni presso la struttura gestita, la comunicazione periodica al Comune dei pernottamenti attraverso il Portale dei servizi dell’Imposta di Soggiorno (IDS), il versamento dell’imposta nelle casse comunali, la dichiarazione annuale.

Il D.L. 19.05.2020, n. 34, convertito nella L. 20.07.2020, n. 77, ha introdotto importanti modifiche sul ruolo del Gestore delle strutture ricettive stabilendo, all’art. 180, che “il gestore della struttura ricettiva è responsabile del pagamento dell’imposta di soggiorno […] con diritto di rivalsa sui soggetti passivi”, ossia gli ospiti che soggiornano nella struttura. Da questa modifica derivano cambiamenti sostanziali in materia penale, civile, amministrativa-tributaria.