Ferite invisibili e dintorni

Il progetto nasce sviluppando una prima pista di lavoro su le ferite invisibili”, in cui vengono esplorate le varie forme di violenza, non soltanto quella fisica, mettendone a fuoco i segnali embrionali che si esprimono attraverso modalità prevaricanti quali il controllo, la possessività, la svalutazione della persona, l'eccesso di gelosia, ecc.

Accanto a questa esplorazione che aiuta a comprendere le diverse forme in cui la violenza si manifesta, viene affiancata una riflessione sulla qualità della relazione tra universo maschile e femminile, sui modelli, sui ruoli e sul modo in cui essi interagiscono, con l'obiettivo di favorire nuove interazioni tra i due universi, che tengano conto della qualità dell'ascolto, della considerazione, della stima e del rispetto reciproco.

Questo percorso nasce dalla considerazione che spesso, quando si sente parlare di 'violenza sulle donne', si fa riferimento alla violenza forte, estrema, a donne picchiate, stuprate, uccise.
Accanto a questi episodi gravissimi, drammaticamente reali, vi è però molto altro, che normalmente si fatica a riconoscere come lesivo della persona e della donna.
In un progetto di prevenzione alla violenza di genere, l’obiettivo principale è quello di offrire occasioni alle giovani generazioni per riflettere ed esplorare le molteplici modalità con cui può essere agito un maltrattamento, imparando a riconoscere i segnali iniziali, all’interno della relazione a due, che sempre si manifestano ma che spesso vengono ignorati o minimizzati, in cui si evidenziano spesso atteggiamenti di intimidazione e privazione di libertà agiti nei confronti della donna.

Oltre al focus sulle dinamiche della relazione a due e sulle insidie che si possono presentare all'interno di una relazione affettiva, risulta fondamentale fornire strumenti alle giovani generazioni per sviluppare consapevolezza rispetto alle forme di discriminazione e umiliazione che si possono ritrovare nelle pubblicità, nei programmi tivù, nei media in generale, negli ambienti di lavoro, e così via, che si presentano quotidianamente e trasversalmente, all'interno del contesto sociale allargato.