Il Teatro del Parco riapre

Il Teatro del Parco della Bissuola ha riaperto: la festa d'inaugurazione ha contato sulla partecipazione di tre importanti eventi culturali. Uno dei luoghi simbolo della città è tornato a vivere! 

Logo

Il 13 settembre riparte il Teatro del Parco. E riparte nella sua veste naturale: quella del teatro della città, voluto per coinvolgere i bambini e gli amanti della musica. E per riaprire lo fa proprio pensando a loro: alle 16.30 l’inaugurazione ufficiale è affidata alla Giovane Orchestra Metropolitana, alle 17.40 invece in platea si aspettano i piccoli spettatori con uno spettacolo teatrale a loro dedicato. E alla sera si lascia lo spazio alla sperimentazione, quella musicale, grazie alla collaborazione della Biennale di Venezia che a Mestre porta l’esperienza del suo nuovo CIMM (Centro di Informatica Musicale e Multimediale) con djset pensati ad hoc.

Ad aprire la giornata del 13 settembre alle 16.30 ci pensano una cinquantina degli strumentisti della Giovane Orchestra Metropolitana, (POSTI ESAURITI) per l’occasione presente sul palco in formazione completa: i giovani musicisti dagli 11 ai 20 anni (provenienti dalle scuole della Città Metropolitana), sotto la direzione del maestro PierLuigi Piran, toccheranno una selezione di brani “evergreen” tra i più amati di sempre.

Alle ore 17.30 il Teatro è pronto ad accogliere gli spettatori del domani: per i piccoli amanti del teatro e alle loro famiglie è stato scelto Pop up Garden della compagnia TPO, spettacolo dedicato a Gilles Clement (botanico, poeta e giardiniere) e a quei piccoli eroi che dal nulla creano giardini nei luoghi più impensati. Un invito all’osservazione delle piante, al loro modo di danzare mosse dal vento, al loro essere al tempo stesso generose e capricciose. Domina la scena un giardino che è un microcosmo indipendente e vive libero, in movimento. Nel lavoro della compagnia TPO il protagonista è lo spazio scenico, le immagini, i suoni, il design. Grazie all’uso di sensori e tecnologie digitali ogni spettacolo si trasforma in un ambiente interattivo dove sperimentare il confine sottile tra arte e gioco.

Per partecipare al concerto della Gom e allo spettacolo teatrale è obbligatorio prenotare scrivendo una mail a attivitaculturali@comune.venezia.it.
L’ingresso avverrà nel rispetto delle normative vigenti per l’emergenza Covid.
 

Alle 19.30 va in scena Aural Exciters: un termine derivato da pionieristiche tecnologie per ritoccare le registrazioni, ma che qui si vuol riferire al lavoro e al piacere di scoprire nuovi stimoli aurali, uditivi, musicali. Perché è la loro manipolazione, l'artigianato umano che solo può imprimere quello scarto o quella sollecitazione che trasformano il paesaggio sonoro che accompagna e invade le nostre vite in pensiero musicale, sottraendolo alla casualità, all'abitudine, alla quotidianità.Sonorità en plein air, appartenenti sia alle più recenti produzioni, sia riscoperte dalle varie epoche della dance culture, mediante quella pratica lenta e manuale denominata diggin': ovvero la ricerca di dischi poco conosciuti, oggetti musicali ritrovati scavando in archivi, mercatini, piccoli negozi specializzati, collezioni private. Gli interpreti sono: Bottin (DJ e tutor workshop DJ e Producer/Performer presso il CIMM di Mestre), Giulio Villano - partecipante al College CIMM, Marco Salvalaio - partecipante al College CIMM.

Per partecipare al djset è obbligatorio prenotare il proprio posto sul sito della Biennale: www.labiennale.org.

L’ingresso avverrà nel rispetto delle normative vigenti per l’emergenza Covid.

Per la ripartenza il Teatro si è rimesso a nuovo: per la riapertura sono stati stanziati 370mila euro grazie al finanziamento con fondi Pon Metro, i lavori di restauro sono durati 4 mesi. E’ stato installato un nuovo sistema scenotecnico e sono stati apportati aggiornamenti alle apparecchiature impiantistiche, sia illuminotecniche che audio, ai nuovi tendaggi, sipari, quinte, fondi, cieli.

Sono stati fatti inoltre lavori di riordino degli spazi esistenti che sono stati ridipinti ed è stato eseguito il ripristino dell’impianto. Oltre agli interventi propedeutici all'ottenimento del certificato di prevenzione agli incendi.

Con il nuovo restauro è stato anche realizzato un nuovo spazio caffetteria, con servizi igienici dedicati.

Una nuova ripartenza che non dimentica quello che il Teatro è stato. La sua storia parla da sola.

Il Teatro del Parco vive nel Parco Albanese di Mestre da 28 anni. L’apertura ufficiale da parte del Comune di Venezia infatti risale al 1992: il teatro ospitava rassegne dedicate al teatro ragazzi, alla prosa amatoriale, al teatro contemporaneo, alla danza e alla musica. Era inoltre la sede ideale per laboratori teatrali dedicati ai giovani, alle famiglie e adulti. Negli anni si sono susseguite complessivamente 11 stagioni. Significativo il percorso evolutivo intrapreso da questa importante stagione, che ha contribuito in modo tangibile a radicare la sperimentazione e la cultura teatrale contemporanea nel nostro territorio. Nel settembre del 2007 le attività del Teatro del Parco si interrompo e vengono trasferite al Teatro Ex Gil, rinominato poi Teatro Momo.

Nel 2019 il Teatro è stato riaperto per ospitare con sale dedicate la sede di Mestre del CIMM (Centro di Informatica Musicale e Multimediale della Biennale di Venezia), in cui si sono svolti i laboratori di Biennale College. Ha anche anche ospitato l’esposizione Electro – Elettronica: visioni e musica organizzata sempre dalla Biennale di Venezia.