Città per tutti

Opere pubbliche

Pavimentazioni Tattili

L'Amministrazione comunale, negli ultimi anni, ha dedicato particolare attenzione al tema della mobilità dei non vedenti, realizzando interventi per favorirne l'orientamento ed eliminare le situazioni di pericolo. L'approccio adottato è stato quello di privilegiare l'utilizzo di elementi naturali e, solo dove ciò non fosse possibile, di prevedere la predisposizione di segnalazioni tattili sul piano del calpestio.
Caratterizzati dalla massima semplificazione dei codici, dall'integrazione con l'ambiente e dall'uso di materiali tradizionali, come la trachite, gli interventi hanno previsto l'utilizzo di due tipi di pavimentazione tattile: la prima, costituita da masegni a "calotte sferiche" in rilievo per segnalare la presenza di un pericolo; la seconda, composta da una pavimentazione a linee parallele in rilievo perpendicolare al senso di marcia, per consentire l'intercettazione di un ponte o di un pontile del vaporetto.
Gli interventi sono stati approvata dalla Soprintendenza ai Beni Architettonici e concordati con la sezione provinciale dell'Unione italiana ciechi. 
 

 
 
Esempio di pavimentazione tattile
Pavimentazione tattile in Calle Bernardo

In prossimità di alcune rive non protette sono stati sistemati dei masegni a calotte sferiche in rilievo per segnalare al non vedente il pericolo di cadere in acqua.
A Venezia questi interventi sono stati eseguiti in Calle Bernardo, in Fondamenta della Misericordia e in corrispondenza del Ponte di San Rocco.
 

 
 
Foto di una rivetta non protetta
Una rivetta non protetta in Fondamenta della Misericordia

In quest'altro caso una persona non vedente rischia di cadere in acqua attraversando questa rivetta non protetta. Solitamente le rivette sono utilizzate per il carico scarico delle merci; laddove sia possibile si prevede il ripristino delle originali chiusure in ghisa. Altrimenti, come in questo caso, sono state sistemati i masegni a calotte sferiche in rilievo per segnalare il pericolo 
 

 
 
Esempio di pavimentazione tattile sul calpestio
La pavimentazione tattile in prossimità dell'imbarcadero alla Giudecca

In corrispondenza dell'asse dell'imbarcadero al pontile della Giudecca è stata posizionata una pavimentazione a linee parallele in rilievo perpendicolare al senso di marcia, con l'obiettivo di permettere alla persona cieca di fruire del trasporto pubblico in sicurezza. I medesimi interventi interessano altri 4 pontili ACTV: a Piazzale Roma, a Murano, alle Zattere e infine alle F. ta Nove. 

 
 

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su