Xhimi Hoti

Xhimi Hoti (Shkoder, Albania 1991), nel 2001 si trasferisce a Verona, dove attualmente frequenta il corso di Pittura all'Accademia delle Belle Arti.

Il suo lavoro si focalizza sulla ricerca pittorica e si concentra sulla prospettiva e sulla rappresentazione dello spazio, intesa come una ricerca di ciò che si crea nell' ambiente visivo: volumi, superfici e forme. Questo viene determinato con l'utilizzo di un'unità di misura, di forme geometriche e architettoniche ed osservando in esse un effetto di volumi in movimento. S'intende pertanto mostrare come la geometria dinamica possa in certi casi agire da facilitatore nella concretizzazione di concetti astratti. Il senso del movimento è un sesto senso in grado di anticipare ciò che si sta per formare nella realtà dello spazio circostante: la percezione dunque non si risolve in una rappresentazione statica ma è condizionata dall'azione, è una sua simulazione interna, è giudizio, scelta, è anticipazione delle conseguenze dell'azione. Lo sviluppo è applicato dall'immaginazione delle azioni implicate dal colore e dal materiale, ed è anche astrarre, selezionare tratti particolari e ignorarne altri. Il registro cromatico di bianchi, neri e grigi, permette una forma dinamica nello spazio che educa e potenzia il pensiero immaginativo, ovvero che fornisce diverse immagini multivisive di piani dinamici, in rapporto prospettivamente in variazioni diverse.

Chiostro SS. Cosma e Damiano 
jimmyh8ti@gmail.com


Senza Titolo n.46, 2016 
acrilico e inchiostro su tela 
100x150 cm