Presentazione di Georgia O'Keeffe

Locandina dell'evento

a cura di Franca Caltarossa

Il Servizio Cittadinanza delle Donne e Culture delle Differenze - Centro Donna organizza la presentazione dell'artista a cura di Franca Caltarossa:

Giovedì 22 ottobre ore 17.00
Mestre - Sala Gruppi Centro Donna

Ingresso gratuito

Georgia O'Keeffe.
Nasce a Sun Prairie, Wisconsin, nel 1887.
Nel 1905 Georgia O'Keeffe si iscrive alla scuola dell'Art Institute of Chicago.
Nel 1907 frequenta l'Art Students League a New York, dove segue i corsi di William Chase.
Oppressa da problemi familiari e da una crisi sulle proprie capacità artistiche, tra il 1910 e il 1912 O'Keeffe smette di dipingere. Si dedica all'insegnamento presso diverse scuole.
Nel 1916 espone a New York in una collettiva presso la famosa "291", la galleria fondata e diretta da Alfred Stieglitz, centro dell'avanguardia modernista americana. L'anno dopo, sempre alla "291" tiene la sua prima personale.
Nel 1918 Georgia O'Keeffe decide di dedicarsi interamente alla pittura.
Si trasferisce a New York e stringe rapporti con alcuni artisti che frequentano la "291": Paul Strand, Charles Scheeler, Arthur Dove, Charles Demuth. Nel 1924 sposa lo stesso Alfred Stieglitz, noto fotografo, fondatore tra l'altro della rivista "Camera Work".
Nel 1943 viene invitata da Peggy Guggenheim a partecipare a una mostra di sole donne che si sarebbe tenuta presso Art of this Century, la sua galleria di New York. Georgia O'Keeffe, però, preferisce rinunciare.
Nel 1946 muore Stieglitz e Georgia pensa di trasferirsi definitivamente nel New Mexico. Il progetto si concretizza nel 1949, quando va a vivere in una casa a Abiquiu, piccola località nel deserto, situata nelle vicinanze di Santa Fe.
Negli anni '40 e '50 Georgia O'Keeffe tiene numerose retrospettive in diversi musei, tra cui l'Art Institute of Chicago (1943) e il Museum of Modern Art (1946).
Nel 1970 torna a New York dopo quasi trent'anni di assenza, in occasione di una vasta retrospettiva al Whitney Museum.
Problemi alla vista la costringono quasi completamente all'inattività creativa. Si dedica così a lavorare l'argilla. Gran parte del tempo è occupato però dalla preparazione di mostre e retrospettive.
Nel 1976 pubblica una autobiografia.
Georgia O'Keeffe muore nel 1986 a Santa Fe.