Informazioni ambientali

La sottosezione è organizzata in base alle prescrizioni di cui all'art. 40, c.2 del D. Lgs. 33/2013 ,riportate nel vigente PTPCT 2019-2021
Questa sezione contiene le Informazioni ambientali che l'Amministrazione detiene ai fini delle proprie attività istituzionali, svolte principalmente dal Settore Progetti Strategici e Ambiente.

Vista la complessità della materia e l'evoluzione normativa che richiede sempre più attenzione alla valutazione e alla riduzione degli impatti ambientali, si riportano anche le misure di competenza di altri dipartimenti quali il Settore Autorizzazioni Ambientali e il Centro Previsioni e Segnalazioni  Maree e link ad altre informazioni riguardanti il nostro Comune ma redatte da altri Enti (con dati forniti dagli uffici competenti)

Si riporta quanto riportato nell' art 40, c2 d.lgs 33/2013  che al suo interno richiama l' articolo 2, comma 1, lettera a), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 195:

 

a) «informazione ambientale»: qualsiasi informazione disponibile in forma scritta, visiva, sonora, elettronica od in qualunque altra forma materiale concernente:

1) lo stato degli elementi dell'ambiente, quali l'aria, l'atmosfera, l'acqua, il suolo, il territorio, i siti naturali, compresi gli igrotopi, le zone costiere e marine, la diversità biologica ed i suoi elementi costitutivi, compresi gli organismi geneticamente modificati, e, inoltre, le interazioni tra questi elementi;

2) fattori quali le sostanze, l'energia, il rumore, le radiazioni od i rifiuti, anche quelli radioattivi, le emissioni, gli scarichi ed altri rilasci nell'ambiente, che incidono o possono incidere sugli elementi dell'ambiente, individuati al numero 1);

3) le misure, anche amministrative, quali le politiche, le disposizioni legislative, i piani, i programmi, gli accordi ambientali e ogni altro atto, anche di natura amministrativa, nonche' le attività che incidono o possono incidere sugli elementi e sui fattori dell'ambiente di cui ai numeri 1) e 2), e le misure o le attività finalizzate a proteggere i suddetti elementi;

4) le relazioni sull'attuazione della legislazione ambientale;

5) le analisi costi-benefici ed altre analisi ed ipotesi economiche, usate nell'ambito delle misure e delle attività di cui al numero 3);

6) lo stato della salute e della sicurezza umana, compresa la contaminazione della catena alimentare, le condizioni della vita umana, il paesaggio, i siti e gli edifici d'interesse culturale, per quanto influenzabili dallo stato degli elementi dell'ambiente di cui al punto 1) o, attraverso tali elementi, da qualsiasi fattore di cui ai punti 2) e 3);