Viaggio nel Teatro Veneziano

Il teatro arriva nelle case di tutti con Viaggio nel Teatro Veneziano, progetto del Settore Cultura ideato da Alberto Toso Fei, che ogni martedì e venerdì, fino al 19 giugno, racconterà storie ed aneddoti del teatro nel corso della storia

Dalla Commedia dell'Arte alla “televisizzazione” del teatro veneziano con Cesco Baseggio, passando per Gozzi e Goldoni, Ruzante e Gallina e raccontando mille divertenti aneddoti sulla vita teatrale veneziana, senza dimenticare il Teatro La Fenice e la sfera musicale, inscindibilmente legata ai teatri cittadini.

È il Viaggio nel Teatro Veneziano, dodici brevi filmati in forma di storytelling narrati da Alberto Toso Fei via web per il Settore Cultura del Comune di Venezia, e dedicati alla storia curiosa e minimale del teatro veneziano e dei protagonisti che ne fecero le fortune, oltre a una serie di aneddoti gustosissimi e sconosciuti al grande pubblico per aderire anche così a #Iorestoacasa in attesa che anche i teatri riaprano.

Da martedì 12 maggio per sei settimane (fino a venerdì 19 giugno), ogni martedì e venerdì alle 14, sarà dunque postato un video sulla pagina Facebook del Teatro Toniolo, e poi rilanciato su altri canali social; le diverse puntate saranno narrate con un andamento idealmente cronologico.

“Il Settore Cultura non lascia soli gli spettatori del teatro e, se da un lato sta lavorando per rispondere alle richieste legate alla stagione teatrale, dall’altro si impegna per portare nelle case dei nostri utenti abituali le iniziative che non possono essere apprezzate dal vivo. In questo caso, grazie allo scrittore Toso Fei, la vita teatrale veneziana entra nelle nostre case con i protagonisti che ne fecero le fortune, traghettando la Commedia dell’Arte in una forma di racconto virtuale" spiega l'assessore alla coesione sociale Simone Venturini.

Intorno a una ideale “platea” del web prenderanno vita le origini – in qualche caso sorprendenti – di alcuni fra i personaggi più conosciuti della Commedia dell'Arte (Pantalone, Colombina e Arlecchino, veneziano di “importazione” come molti lagunari della storia), ma anche curiosità della vita di Carlo Goldoni e Carlo Gozzi, e di come in un paio di casi i loro lavori furono causa di scandalo, come le gozziane “Droghe d'Amore”, che nel 1777 costarono l'elezione al dogado del potente Andrea Tron per l'imprudenza della moglie Caterina Dolfin.

I teatri veneziani furono luoghi di perdizione e dissolutezza (le donne sposate vi andavano mascherate), ma anche di produzione d'avanguardia e di sperimentazione rivoluzionaria: fu al Teatro di San Cassiano che nel 1637, per la prima volta nella storia, il pubblico pagò un biglietto per accedere allo spettacolo. Ma si parlerà anche dei Casanova: non del solo Giacomo Casanova che – sebbene giovane violinista al teatro di San Samuele – da solo non darebbe l'idea della complessità dell'intera famiglia, dedicata in gran parte all'arte del teatro. In particolare la madre, Giovanna Farussi “la Buranella”. Infine, all'interno dei teatri avveniva un po' di tutto: “Viaggio nel Teatro Veneziano” narrerà di una danzatrice che si salvò dall'esilio grazie alla sua insospettabile verginità e del dono singolare di una nobildonna veneziana, che rispose letteralmente per le rime ai suoi simpatici detrattori. Insomma ad andare in scena, con filmati rigorosamente girati e composti a casa, sarà il meglio della tradizione teatrale veneziana: e tutto avverrà attraverso quella narrazione che da sempre sta al centro del lavoro dello scrittore Alberto Toso Fei, che ha fatto del recupero della tradizione orale e delle storie veneziane “perdute” una vera missione, divenendo un cacciatore di storie che hanno ispirato i suoi numerosi libri pubblicati in diverse lingue (in Italia con Marsilio, Newton Compton, Studio LT2…) oltre ad animare le sue performance e i recital veneziani focalizzati sullo storytelling.

Un lavoro cominciato quando Toso Fei, veneziano dal 1351 e discendente da una antica famiglia di vetrai di Murano, iniziò a trascrivere le tante storie raccolte dagli anziani, ricostruendo, tra leggenda, mito e Storia, una narrazione che oggi gli viene riconosciuta a livello internazionale. Uno dei suoi ultimi libri – la graphic novel «Orientalia, mille e una notte a Venezia», illustrata da Marco Tagliapietra – che si ispirava a un grande classico della narrazione orale di novelle condivise nella lettura collettiva, è stata candidata al Premio Strega nel 2017.

Per connettersi occorre sintonizzarsi alla pagina Facebook di Teatro Toniolo: https://www.facebook.com/TeatroToniolo 

e sui canali social di Cultura Venezia: