Commercio ed Artigianato

Settore Sportello Unico Commercio
dirigente dott. Francesco Bortoluzzi

Lunedì 01/06/2020 gli Uffici saranno chiusi e non garantiranno lo sportello telefonico. Rimane attiva la presentazione telematica delle pratiche SUAP.


CORONAVIRUS - AVVISI IMPORTANTI

Saldi estivi 2020 e vendite di fine stagione
(aggiornato il 27/05/2020 ore 20.30)

Occupazione suolo temporanee nel periodo di emergenza sanitaria
(aggiornato il 17/05/2020 ore 20.30)

Commercio su aree pubbliche settore non alimentare
(aggiornato al 29/05/2020 ore 23.55)

Mercati festivi e straordinari
(aggiornato al 29/05/2020 ore 23.55)

Somministrazione alimenti e bevande - mensa
(aggiornato il 06/04/2020 ore 00.30)
In riferimento all’ordinanza Regionale del 4 maggio 2020 art. 20 "Mensa per lavoratori", in attuazione della lettera aa) dell'art. 1 DPCM 26/04/2020, é consentita l’effettuazione, previo apposito contratto, di attività di mensa per addetti di una o più imprese, presso esercizi chiusi al pubblico.
Possono essere ammessi solo i lavoratori nominativamente indicati dal rispettivo datore di lavoro e nel rispetto dell’orario predeterminato, suddiviso in turni.
Devono essere rispettati il distanziamento di almeno m. 1 e le norme igienico sanitarie.
In caso di presenza di addetti di più imprese, deve essere garantito l’uso di sale separate tra addetti di imprese distinte.
Tra un turno e il successivo devono essere effettuate arieggiatura e sanificazione dei locali, in particolare per quanto riguarda i bagni, senza permanenza di persone in attesa all’interno o all’esterno del locale.
Il personale di sala deve utilizzare la mascherina e cambiare i guanti tra i turni.
Se possibile, entrata e uscita devono essere separate.
L’esercente dà comunicazione preventiva del servizio al Comune, alla casella P.E.C. commercio@pec.comune.venezia.it, indicando la denominazione ed il codice fiscale della ditta titolare dell'attività, l'indirizzo dei locali di esercizio nonchè esplicitamente "L’avvio del servizio di mensa per i lavoratori, citato in Ordinanza Regionale, presso il proprio Pubblico Esercizio a partire dal giorno ..............".

Somministrazione alimenti e bevande - ristorazione
(aggiornato il 09/04/2020 ore 18.00)
Non è necessario presentare la comunicazione della sospensione dell'attività disposta dal DPCM 11/03/2020. Va comunicata al pubblico mediante cartello all'esterno dell'esercizio.
La sospensione facoltativa, cioè non obbligatoria per Decreto, di durata maggiore a 30 giorni consecutivi va comunicata al SUAP in modalità telematica.
Le attività di ristorazione possono operare la consegna al domicilio dei pasti. Il confezionamento per la consegna a domicilio ed il trasporto dei pasti e di prodotti alimentari NON sono attività oggetto di ulteriore notifica sanitaria nè di comunicazione per l'aggiornamento della registrazione. La gestione di tali fasi deve essere presa in considerazione dall'operatore nell'ambito del proprio autocontrollo come da circolare n. 136128 del 27/03/2020 della Regione del Veneto scaricabile anche in basso di questa pagina

Strutture ricettive
(aggiornato il 10/04/2020 ore 15.30)
La sospensione temporanea delle attività ricettive alberghiere e simili (codice ATECO 55.1) nel periodo di emergenza sanitaria va comunicata, alternativamente:
- con pratica telematica al SUAP
- con messaggio PEC inviato contemporaneamente agli indirizzi commercio@pec.comune.venezia.it e turismo@pec.regione.veneto.it, allegando scansione del documento di identità (avviso Regione Veneto).
Mentre NON è necessario presentare la comunicazione della sospensione delle attività ricettive diverse da quelle con codice ATECO 55.1 poichè disposta dal DPCM 11/03/2020.


pagina aggiornata il 29/05/2020 ore 23.59