Convivenza anagrafica

ATTENZIONE - EMERGENZA CORONAVIRUS -

La convivenza anagrafica è regolata dall'art. 5 del D.P.R. 30 maggio 1989 n. 223 ed è definita come un insieme di persone normalmente coabitanti per motivi religiosi, di cura, di assistenza, militari, di pena e simili, aventi dimora abituale nello stesso comune.

La convivenza, per risultare anagraficamente esistente, deve essere istituita utilizzando l'apposita modulistica.

A chi si rivolge
A insiemi di persone che vogliono coabitare istituendo la convivenza anagrafica (ad es. collegio, convitto, caserma, casa di riposo ecc).
 
Cosa fare per
Per le persone che stabiliscono la propria residenza in una convivenza le richieste d’iscrizione anagrafica con provenienza da un altro Comune o dall’estero o le variazioni di indirizzo all’interno dello stesso Comune dovranno essere rese dal responsabile della convivenza utilizzando la modulistica specifica:
Le richieste e le dichiarazioni possono essere presentate:

 


Per informazioni sul trattamento dei dati personali visita la pagina dedicata: "Informativa trattamento dei dati personali".


Per segnalazioni, reclami e richiesta di informazioni  è disponibile lo sportello digitale DIME alla voce: "Segnalazioni"

Aggiornamento a cura del Servizio Anagrafe Terraferma, luglio 2021.