GreenerSites

Riabilitazione ambientale delle aree industriali dismesse nell'Europa centrale

Il progetto europeo GreenerSites, coordinato dalla Città di Venezia e finanziato dal programma Interreg CENTRAL EUROPE, aveva l'obiettivo di migliorare la gestione ambientale delle aree industriali dismesse o sottutilizzate attraverso la definizione di strategie, strumenti e azioni basati su un approccio sostenibile integrato.

Le principali attività svolte in cooperazione con il partenariato internazionale sono state:

  • Lo sviluppo di uno strumento web, geo-referenziato per catalogare tutte le informazioni relative alle aree da riqualificare e quindi aiutare gli enti conivolti nella pianificazione e gestione.
  • 9 piani d'azione strategici definiti in due fasi (concezione preliminare e definizione finale a livello di FUA successivamente alla fase pilota);
  • 11 azioni pilota per sperimentare soluzioni tecniche innovative e sostenibili per le aree dismesse al fine di migliorarne le prestazioni ambientali;
  • un programma di formazione completo per i dipendenti pubblici e gli stakeholder
  • un manuale per consentire la replicabiltà dei risultati raggiunti dal progetto anche in altri contesti territoriali.

Nell'ambito delle attività del progetto, il Comune di Venezia ha elaborato uno studio di revisione di alcuni progetti di bonifica nelle area di Porto Marghera (aree ex Syndial) per promuovere la rigenerazione ambientale ed economica dell’area. Tale studio ha promosso la revisione degli aspetti di sostenibilità di alcuni progetti di bonifica del suolo risalenti al 2005 avvalendosi delle semplificazioni tecniche introdotte dalla recente normativa e includendo tecnologie di bonifica e basate sull'analisi delle esigenze per futuri insediamenti produttivi. Inoltre, il Comune ha redatto delle linee guida per la stipula di contratti di compravendita e uno studio sull’applicabilità di possibili regimi di fiscalità agevolata che consentono di disporre di nuovi strumenti per favorire la disponibilità nel mercato di aree dismesse, l’attrazione di nuovi investimenti e di iniziative economiche per un nuovo futuro di Porto Marghera.

Per migliorare le competenze del settore pubblico nella gestione delle aree industriali dismesse, sono stati organizzati dei percorsi formativi che hanno coinvolto diverse amministrazioni locali del territorio veneziano. Circa 45 tecnici di queste amministrazioni hanno seguito dei seminari di aggiornamento su temi specifici relativi alla gestione ambientale dell’area SIN di Porto Marghera: aspetti normativi, metodologie di bonifica e strategie di marketing territoriale per le aree industriali

Nella prima fase di di attività tutti i partner hanno svolto una analisi quantitativa e qualitativa sulle proprie aree industriali dismesse per meglio inquadrarne la condizione socio-economica ed ambientale.
L'analisi sulle aree veneziane è stata condotta in collaborazione con la Regione Veneto e l'Autorità Portuale di Venezia ed è disponibile al seguente link:

Analisi della condizione socio ambientale, socio-economica e logistica del brownfield dell'area funziaonale urbana (FUA) di Venezia

Guarda il video del progetto

Partenariato

  1. Citta di Venezia - Coordinatore
  2. ISW – Istituto per la Politica Strutturale e lo Sviluppo Economico (DE)
  3. Città di Celije (SLO)
  4. Agenzia di Sviluppo della Mazovia (PL)
  5. Città di Solec Kujawski (PL)
  6. Regione Veneto (IT)
  7. Autorità Portuale di Fiume (HR)
  8. Autorità Portuale di Venezia (IT)
  9. Città di Bydgoszcz (PL)
  10. Città di Fiume (HR)
  11. Ministero dello Sviluppo regionale e Trasporti della Sassonia Anhalt (DE)

 

Uffici convolti
Servizio Progetti comunitari, Servizio Bonifiche, Servizio Sviluppo economico.

Durata progetto
Giugno 2016 - luglio 2019

Valore complessivo del progetto
3.795.769,00 Euro

Entrate per il Comune di Venezia
650.735,00 Euro

ultimo aggiornamento 25/11/2020