Deep Drawing. La morte dell'algoritmo

Giovedì, 25 Novembre, 2021
Ore: 
dalle 17.00 alle 19.30


Deep Drawing
Performance, 25 novembre, dalle ore 17.00

La morte dell'algoritmo di Paolo Gallina

Il DVRI (Distretto Veneziano per la Ricerca e Innovazione) in collaborazione con la Fondazione Bevilacqua La Masa e Science Gallery sono lieti di annunciare l'inizio di una serie di performance del ciclo Deep Drawing, con l'intento di promuovere una riflessione critica nell’ambito della robotica e dello sviluppo dell’attuale ricerca sugli algoritmi nell’espressione artistica.

Nell'epoca dei social media e in una società sempre più tecnologica, nell'ambito dell'arte si assiste a una presenza sempre più pervasiva dell'intelligenza artificiale, attingendo a tutto ciò che il mondo della matematica e del computer conosce e condivide. Le nuove esperienze artistiche e i nuovi strumenti di comunicazione artistica si inspirano a risultati scientifici e tecnologici.

Il rapporto tra arte, software e nuove metodologie per praticare l'arte ha innescato una nuova riflessione sul concetto stesso di ”arte” e autorialità dell’opera.

Il Deep Drawing è il processo di creazione di spazi cavi da una lastra piatta. In senso lato, in questa iniziativa, rimanda ai robot che, interpretando l’azione del braccio, secondo una sofisticata progettazione algoritmica, esprimono livelli di comunicazione complessa, confrontandosi con l’esperienza materiale e simbolica del disegno, come è andata costruendosi nella nostra cultura. Non si tratta di proporre robot che imitano gli artisti, ma robot che interrogano il simbolico dell’espressione artistica, che attraverso il disegno e la progettazione ampliano le possibilità di riflessione sulla complessità della comunicazione umana, razionale, emotiva, sensoriale.

Il primo progetto a essere presentato è La morte dell'algoritmo di Paolo Gallina. L'idea è quella di equiparare il cervello umano a quello robotico, insinuando la possibilità di morte implementando l’algoritmo.

Gli attori della performance artistica sono un robot, un algoritmo e una sorta di maglio. L’algoritmo, ossia il ”cervello” del robot, a mezzo del braccio robotizzato, realizza alcune incisioni su lastre di zinco. Il soggetto di ogni incisione è il medesimo: una figura femminile. Come il cervello dell’uomo invecchia e muore, così nella performance quello del robot ”invecchia digitalmente” e ”muore digitalmente”.

Nel processo distribuito nel tempo ogni incisione successiva è sempre più imprecisa e tremolante nel tratto rispetto alla precedente, come se il robot fosse in preda a una malattia degenerativa che produce forme irriconoscibili. L’hard disk come memoria attiva di questo processo sarà oggetto dell’atto finale del robot, con il quale le lastre incise diverranno atti irriproducibili e definitivi.

L'azione si svolgerà all'interno di un perimetro asettico e minimalista, nella grande Stanza del Camino alla Giudecca; una virtuale aula accademica che accoglie un ”anomalo studente”.

La performance avverrà nella giornata del 25 novembre 2021, dalle 17:00 alle 19:30, presso Sala del Camino, Chiostro SS. Cosma e Damiano, Giudecca. Per accedere all'evento bisogna prenotarsi al seguente link ed essere in possesso della certificazione Green Pass valida. https://www.eventbrite.it/e/biglietti-deep-drawing-la-morte-dellalgoritmo-di-paolo-gallina-207787657477

I ”resti” della memoria digitale del robot verranno inumati all’interno del campus dell’Università di Trieste e per ricordare l’evento, verrà posizionata una pietra tombale. In questo modo la mutuazione della liturgia funebre completa il processo di percezione della ”morte digitale”.

Si ringrazia l’Università di Trieste per la collaborazione al progetto.


Paolo Gallina è nato nel 1971 a Castelfranco Veneto e nel 1996 si è laureato in Ingegneria Meccanica presso l'Università di Padova. Attualmente è professore di Robotica presso l'Università di Trieste e autore di numerosi articoli scientifici nell'ambito dell'interazione uomo-macchina e della robotica.

Paolo Gallina indaga da tempo le opportunità degli algoritmi, in particolare la capacità di essi di guidare un braccio robotico nell'atto della riproduzione di opere figurative. L'obiettivo non è tanto quello di dipingere, quanto individuare dei procedimenti matematici estetici in grado di catturare l'equilibrio tra precisione e gestualità, tipicamente umano.

È autore del romanzo/saggio ”La formula matematica della felicità” (2012), ed. Mondadori, del saggio scientifico ”L’anima delle Macchine” (2015), ed. Dedalo - col quale si è aggiudicato il Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica, sezione Ingegneria e il premio Internazionale Galileo, del saggio ”La Mente Liquida” (2018), ed. Dedalo - finalista Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica, del saggio ”Un robot per vincere le tentazioni” (2021), ed. Dedalo.


Distretto Veneziano della Ricerca e dell’Innovazione è un’organizzazione no-profit che nasce sotto gli auspici dell’UNESCO alla firma del Venice Statement – La dichiarazione di Venezia per la collaborazione nella ricerca in occasione del World Science Day nel 2011 e successivamente, nel 2014, si costituisce come associazione. Unisce 14 tra enti di ricerca, centri culturali e istituti per l’higher education. Il DVRI mira a promuovere il ruolo della scienza nella creazione di comunità guidate dai principi dell’innovazione e dallo sviluppo sostenibile. Per raggiungere tale obiettivo, crea occasioni di collaborazione e scambio tra centri di ricerca e organizzazioni culturali, tali da favorire l’eccellenza nella ricerca e incoraggiare il coinvolgimento delle comunità dei membri e locali nei risultati della ricerca superiore. È founding partner di Science Gallery Venice: un polo di innovazione all’avanguardia nel movimento STEM-STEAM.


Scheda tecnica
Paolo Gallina, La morte dell’algoritmo, performance.
A cura di Stefano Coletto
Stanza del Camino, Chiostro SS Cosma e Damiano, Giudecca, Venezia
Documentazione video della performance a cura di CineClub.

Per info
DVRI – Distretto Veneziano della Ricerca e dell’innovazione
dvr@unive.it M +39 3402643688
distrettovenezianoricerca.it

Fondazione Bevilacqua La Masa
press@bevilacqualamasa.it
www.bevilacqualamasa.it
Tel. 041/5208879

Per accedere all'evento bisogna prenotarsi al seguente link ed essere in possesso della certificazione Green Pass valida.
https://www.eventbrite.it/e/biglietti-deep-drawing-la-morte-dellalgoritmo-di-paolo-gallina-207787657477

Mostra altro

Ultimo aggiornamento: 18/11/2021 ore 01:19