"Venezia un museo a cielo aperto" con il progetto di pescaturismo nella Laguna Nord

Venezia e la sua laguna sono spesso e a ragione definite "Un museo a cielo aperto", tante sono le occasioni per conoscere la città e il suo territorio. Una di queste è la pescaturismo, ovvero la possibilità per i visitatori di unirsi ai pescatori per esplorare la laguna e vederli al lavoro. Il progetto, avviato lo scorso novembre grazie ai contributi della Regione Veneto, e promosso dall'Assessorato comunale all'Ambiente e l'Istituzione Parco della Laguna, è entrato ora nella sua fase operativa, ed è stato presentato questa mattina con una conferenza stampa che si è tenuta alla Torre Massimiliana nell'Isola di Sant'Erasmo. Sono intervenuti tra gli altri, l'assessore comunale all'Ambiente, Gianfranco Bettin, la presidente dell'Istituzione Parco della Laguna, Alessandra Taverna, il presidente della Cooperativa San Marco Pescatori Burano, Luigi Vidal, il responsabile regionale del Settore Pesca della Lega Cooperative, Antonio Gottardo, il biologo Agri.te.co sc, Raul Lazzarini.

L'attività di pescaturismo nella Laguna Nord di Venezia consiste nel promuovere un turismo alternativo, con il quale i visitatori possono trascorrere una giornata a bordo delle barche dei pescatori, vederli all'opera, visitare e conoscere l'ambiente lagunare e gustarne i prodotti ittici. Per farlo è necessario contattare la Cooperativa San Marco (tutti i riferimenti sul sito www.pescaturismoburano.com e al numero 041 730076) e scegliere l'itinerario e la formula di visita che più si preferisce. Durante il tragitto il turista avrà a disposizione un iPad con iLagoon, un software interattivo che fornisce tutte le informazioni necessarie, foto, filmati, eccetera, in italiano, inglese, spagnolo, tedesco. Si tratta insomma, come hanno spiegato i promotori, di un modo nuovo e sostenibile di fare turismo, nel pieno rispetto dell'ambiente e del mestiere della pesca.

"Il turismo è una risorsa fondamentale - ha spiegato l'assessore Bettin - ma spesso travolgente e troppo impattante per l'ambiente e per altre attività produttive. La pescaturismo invece è un modo per integrare il reddito dei pescatori e allo stesso tempo una preziosa occasione per valorizzare il territorio e le sue attività, come la pesca appunto, in modo intelligente, senza snaturarlo o stravolgerlo". I pescatori della Cooperativa San Marco porteranno a bordo delle loro imbarcazioni gruppi di 12 persone: turisti ma anche scolaresche, grazie alla stretta collaborazione con l'Istituzione Parco della Laguna: "La valorizzazione socioeconomica del territorio - ha affermato la presidente Taverna - è fondamentale per la sua crescita. E altrettanto importante è l'aspetto educativo, che come Istituzione stiamo portando avanti. A questo proposito abbiamo promosso il concorso 'La Laguna: tanti mestieri': tra i premi proprio una giornata a bordo delle barche dei pescatori".

Venezia, 31 maggio 2011 / sn

 

 
 

Attenzione: la pagina potrebbe avere contenuti non aggiornati


Questa pagina riporta informazioni provenienti dall'archivio del sito precedente.
I contenuti potrebbero non essere aggiornati.

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su