1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Città di Venezia
Home page English
 

Contenuto della pagina

Amministratore di sostegno

 

Cos'è

La legge 9 gennaio 2004 n.6 introduce nel codice civile italiano la figura dell'Amministratore di Sostegno, una misura di protezione tesa a tutelare le persone prive in tutto o in parte dell'autonomia necessaria allo svolgimento delle funzioni della vita quotidiana, mediante interventi di sostegno temporaneo o permanente. A differenza dei provvedimenti di interdizione ed inabilitazione (che permangono, seppure modificate, nell'Ordinamento italiano) l'Amministrazione di Sostegno pone al centro le esigenze della persona e prevede dunque un progetto personalizzato.
L'Amministrazione di Sostegno si rivolge alla persona con infermità fisica o psichica che comporta l'impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi (art. 3 comma 1 L.6/2004).

 

Modalità

Il ricorso può essere proposto da: 
- lo stesso soggetto interessato
- il pubblico ministero
- i responsabili dei servizi sanitari e sociali direttamente coinvolti nella cura e assistenza della persona
- i parenti entro il 4° grado (ascendenti, zii, cugini primi, etc.) e gli affini entro il 2° grado (coniuge di un genitore o di un nonno, cognati, generi e nuore)
- il coniuge o il convivente stabile del soggetto
- il tutore e il curatore (insieme alla richiesta di revoca dell'interdizione o inabilitazione)

Fasi del procedimento
- ricorso (art. 407 c.c.)
- fissazione dell'udienza
- notifica al beneficiario e comunicazione a tutti gli altri soggetti coinvolti (parenti, servizi sociali, medico di base, strutture in può trovarsi il beneficiario)
- udienza
- nomina dell'Amministratore di Sostegno (art. 408 c.c.)
- decreto di nomina (art. 405 c.c.)
- giuramento dell'amministratore di sostegno
- pubblicità (art. 405 c.c. 7-8 c.c.)

Effetti dell'Amministrazione di Sostegno (art. 409 c.c.):
La persona conserva la capacità di agire per tutti quegli atti che non richiedono la rappresentanza esclusiva o l'assistenza necessaria dell'Amministratore di Sostegno. Il beneficiario può in ogni caso compiere gli atti necessari a soddisfare le esigenze della propria vita quotidiana. Per tutte le altre azioni conserva intatta la propria autonomia, i propri diritti e la propria capacità di agire.

 

Ufficio competente

Tribunale Ordinario di Venezia
Cancelleria della Volontaria Giurisdizione - Ufficio del Giudice Tutelare
Indirizzo Rialto, San Polo 183 - 30100 Venezia
Telefono 041. 240 2359 (Stefania Stefanato); 041. 240 2348 (Angela Maglie); 041 220 17 88 (Fabio Trangoni )
Fax 041. 220 17 29
Orari dal lunedì al venerdì 8.30-12.30

 
 

Ultima modifica: 9/02/2012- Revisione completa dei contenuti: 18/05/2011

 
"TORNA INIZIO PAGINA".

Ricerca nella sola Banca dati URP

 
 

Menu di sezione

  1. Facebook
  2. Twitter
  3. MySpace
  4. Google
  5. Preferiti
  6. Email
Realizzato con il CMS per siti accessibili FlexCMP ©