Matrimonio

L'appuntamento per la celebrazione del matrimonio civile deve essere concordato preventivamente con l'ufficio di stato civile. È necessaria la presenza di due testimoni con documento d'identità valido. 

  • Per i residenti sono necessarie le pubblicazioni di matrimonio  
  • Per i non residenti è necessaria la richiesta scritta del Sindaco del comune di residenza che ha proceduto alle pubblicazioni di Matrimonio 


Cittadini stranieri: 
I cittadini austriaci, svizzeri, spagnoli, olandesi, tedeschi, portoghesi, turchi, moldavi e lussemburghesi devono produrre il certificato di capacità matrimoniale rilasciato, in applicazione della Convenzione firmata a Monaco il 5 settembre 1980.
I cittadini statunitensi e australiani devono produrre la dichiarazione giurata resa rispettivamente presso il Consolato Statunitense o Australiano in Italia, successivamente legalizzata in Prefettura, e l'atto di notorietà eseguito presso il Consolato Italiano. 
Tutti gli altri cittadini stranieri devono produrre una dichiarazione rilasciata dall'autorità competente del proprio paese (Ambasciata o Consolato in Italia) da cui risulti un nulla osta al matrimonio. 

Matrimonio civile in comune diverso da quello di residenza 
Qualora gli sposi intendano contrarre matrimonio civile in un Comune diverso da quello di residenza devono produrre una specifica richiesta motivata, in bollo, al Sindaco del Comune dove sono state fatte le pubblicazioni. 
Il Sindaco, trascorso il termine previsto per le pubblicazioni, richiede per iscritto (Delega) l'Ufficiale dello Stato Civile del luogo dove il matrimonio si deve celebrare. 

Luogo di celebrazione 
Il matrimonio civile viene celebrato nella Casa Comunale. 
Se uno degli sposi, per infermità o altro impedimento, non può recarsi nella Casa Comunale, l'Ufficiale dello Stato Civile si trasferisce con il Segretario nel luogo in cui si trova lo sposo impedito (abitazione, ospedale, carcere, ecc.) e alla presenza di quattro testimoni procede alla celebrazione del matrimonio. 

Regime Patrimoniale 
Se al momento del matrimonio gli sposi non dichiarano all'Ufficiale dello Stato Civile di scegliere il regime patrimoniale della separazione dei beni, automaticamente si instaura il regime patrimoniale della "comunione dei beni". Gli sposi con atto pubblico (presso un Notaio) possono, in qualsiasi tempo, stipulare convenzioni matrimoniali. 

Filiazione: 
All'atto della celebrazione del matrimonio, gli sposi possono anche dichiarare di riconoscere eventuali figli naturali nati dalla loro unione. 

Certificati: 
Subito dopo la celebrazione del matrimonio civile l'Ufficio di Stato Civile può rilasciare i certificati di matrimonio. I certificati anagrafici aggiornati saranno disponibili dopo 2 giorni dalla celebrazione del matrimonio. Se gli sposi sono residenti in Comune diverso da quello della celebrazione del matrimonio, l'Ufficiale dello Stato Civile provvede ad inviare copia dell'atto al Comune di residenza. 

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su