LACUNA/AE.

Identità e Architettura Moderna a Venezia


28 maggio - 31 luglio 2016 Torre Massimiliana, Isola di Sant’Erasmo


LACUNA/AE. Identità e Architettura Moderna a Venezia è una mostra fotografica ideata da Eleonora Milner e curata da Elena Caslini ed Eleonora Milner.
Oltre cento fotografie di diciassette fotografi italiani documentano ex aree industriali di Venezia riqualificate in edilizia residenziale nella seconda metà del Novecento e aree ad esse adiacenti sorte ex-novo nello stesso periodo.

La mostra indaga e racconta l’architettura e l’identità di queste aree di Venezia, che restano ancora oggi al di fuori dei percorsi turistici tradizionali e rimangono sconosciute ai più.
Non molti sono a conoscenza del fatto che, a cavallo tra Ottocento e Novecento, molte aree di Venezia ospitavano grandi complessi industriali, chiusi o smantellati nel corso degli anni Cinquanta a seguito della costruzione e affermazione di Porto Marghera e del Peltrolchimico. Circa trent’anni dopo, su iniziativa di enti pubblici e comitati locali, alcuni tra i più noti architetti italiani furono chiamati a riqualificare le ex aree industriali rimaste in disuso per anni, che vennero in larga parte riconvertite in edilizia residenziale popolare. A queste aree si aggiungono aree sorte ex-novo, concepite per soddisfare il fabbisogno crescente di nuovi spazi abitativi funzionali.

L'obiettivo è quello di raccontare visivamente una parte mancante della storia di Venezia e di mostrare come la fotografia possa essere uno strumento efficace di conoscenza della realtà ed entrare in diretta relazione con luoghi, spazi e persone. Come effettivamente gli abitanti di oggi, a distanza di quasi tre decenni, vivono i grandi esempi di architettura residenziale popolare presenti a Venezia? Sono esse aree realmente integrate nel tessuto urbano di Venezia o ne restano inevitabilmente al di fuori? Questi sono alcuni dei quesiti da cui parte la ricerca di LACUNA/AE, che non solo vuole dare visibilità agli edifici in quanto strutture architettoniche, ma che si interroga inoltre su quale sia stato il loro impatto sulla definizione dell’identità dei luoghi e dei loro abitanti.
Nonostante il lavoro di ciascun fotografo mantenga sempre una propria riconoscibile specificità, tutti gli autori in mostra si approcciano alla fotografia come pratica culturale insostituibile per indagare il territorio, poiché essa aiuta a percepire, vedere e (ri)vivere lo spazio contemporaneo e favorisce le associazioni che legano i segni dispersi nel paesaggio. Il mezzo fotografico è concepito come strumento di conoscenza del reale, che non vuole però fornire risposte definitive, ma suggerire nuovi spunti e invitare alla riflessione per riaprire un capitolo quasi dimenticato della storia di Venezia.

Il percorso della mostra si articola in 12 sale ed è concepito come un viaggio fotografico attraverso le ex aree industriali e le aree residenziali sorte ex novo ai confini della città storica: le aree ex Trevisan e ex Junghans alla Giudecca, Sacca Fisola, l'Area Angeli a Murano, Mazzorbo, l'aera ex Saffa, la Baia del Re, il Villaggio Laguna a Campalto, Camping Fusina e il Liberty al Lido.
All’interno del percorso di mostra si inserisce inoltre una breve sezione parallela che racconta Venezia ex-industriale attraverso una serie di illustrazioni realizzate ad hoc per la mostra da sette illustratori italiani.

fotografi

Giacomo Pulcinelli, Marco Del Zotto, Giacomo Streliotto, Allegra Martin, Andrea Avezzù, Sara Sagui, Mattia Parodi, Marco Fava, Sergio Camplone, Claudia Zalla, Laura Bacchiega, Claudia Corrent, Federico Vespignani, Francesca Gardini, Gian Giacomo Stiffoni, Riccardo Muzzi, Francesca Occhi
illustratori
Marco Bassi, Federico Conti Picamus, Juta, Sara Polo, Lucio Schiavon, Chiara Spallotta, Luca Tagliafico
più informazioni a www.lacunaeproject.com

alcune fotografie della mostra
 

schema delle zone di housing fotografate

La mostra inaugura sabato 28 maggio alle ore 18.00,
sarà aperta in vernissage già dalle ore 11 e lo resterà fino a domenica 31 luglio con i seguenti orari:
dal mercoledì al venerdì 15.00 - 19.00
sabato, domenica e festivi 11.00 - 19.00


Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su