SpaziArti. Ulisse Fiolo in "Tra la vita - de scondon"

Giovedì 26 novembre 2015 ore 21.00 alla Sala S. Marco a Trivignano- Ingresso libero

foto Ulisse Fiolo

Giovedì 26 novembre 2015 alle ore 21.00 presso la Sala S. Marco a Trivignano.

Ulisse Fiolo (ovvero Ulisse Fiolo - musichitarrista poetautore) in collaborazione con la Municipalità di Chirignago Zelarino presenta “Tra la vita - de scondon".
Ovvero un reading.
Ed è musica.
Teatro.
Narrazione.
E non mancherà la poesia.
Anche in dialetto.
Canzoni. Sì, anche canzoni.
Insomma... Ulisse Fiolo!!!

Non sono un cantautore! Faccio le due cose, suonare e scrivere (canto pure, ma solo in coro), ma son linguaggi autonomi: nel senso che quando compongo le parole son superflue, e se scrivo nelle parole c'è già tutta la 'musica' che serve (suono, ritmo e persino pronuncia - perché vanno dette a voce alta) - cantarle toglierebbe il peso che invece hanno 'semplicemente' dette, ridurrebbe piuttosto che aumentarne il senso; poi quando faccio le mie letture uso entrambi i linguaggi, per dare una certa atmosfera: però alternandoli, creando con la musica una sorta di cassa di risonanza alle parole e viceversa (è tipo come nei film quando succede qualcosa e poi la musica apre spazi ai pensieri perché l'azione appena vista s'imprima in chi guarda, magari finché la cinepresa indugia sulla scena già vuota o sul paesaggio).

Ecco un'anomale biografia: 
Ulisse Fiolo
A parte il nome, già un programma,
pare proprio che tra i probabili
luoghi del mio concepimento
ci siano vigne in camporella
o una pineta in riva al mare:
quasi un destino… Il diciassette
gennaio millenovecento-
settantadue salpo alla vita:
in Riviera del Brenta, a Mira
(provincia di Venezia) - fino
al mezzo del cammin. Ormai
da un lustro cerco scampo altrove:
Campolongo Maggiore (VE) -
nella speranza, oggi minata,
di non estinguermi nel mutuo
(trentennale)… Mantengo sempre
un piede saldo a terra e l’altro
sollevato, a andar oltre: ho fatto
vari lavori, tra i più umili
(portalettere, fattorino,
bidello, commesso, call-center…),
continuando nei miei studi;
ho lasciato l'università,
troppo sterile ed accademica.
Da tre anni son disoccupato,
per un licenziamento ingiusto:
in causa sindacale contro
l’ex coop. di servizi in ULSS…
Chitarrista, da ormai vent’anni
(autodidatta), ora compongo
e strimpello anche il piano; a volte
scivolo nelle parole, ma
fare è il solo verbo che abbia
senso: la poesia è artigianato
del mio respiro-passo-verso;
però la musica subissa
tutto… Collaboro con varie
realtà - locali: per letture,
spettacoli, documentari,
musica, film… Con altri amici,
fondo dieci anni fa il nucleo
resistenza poesia La
Dura Madre, per degli eventi
soprattutto in ambiente. Ho qualche
buona pubblicazione (anche
pseudonima), menzioni e premi
di poesia - ma no famiglia…
Quando non suono, leggo - e scrivo;
un’amica recente mi ha
chiamato: “schìtaro-poeta”

Lo spettacolo rappresenta il settimo appuntamento della rassegna SpaziArti 2015
.



Spettacolo ad ingresso libero.





logo spaziarti

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su