SpaziArti. Acoustic Guitar Night all'Auditorium P. Frassati alla Gazzera

Concerti con Alberto Ziliotto e Matteo Gobbato Venerdì 20 novembre 2015 ore 20.45 - Ingresso libero

foto Acoustic guitar night

Venerdì 20 novembre 2015 ore 20.45 presso Auditorium P. Frassati alla Gazzera.

Dare come sottotitolo ad un evento musicale " la chitarra acustica come non l’avete mai sentita suonare" in questo caso non è presunzione, ma una sfida lanciata a chi ancora non conosca le potenzialità polifoniche della chitarra grazie a tecniche quali il fingerpicking, il flatpicking, il fingerstyle e molte altre forme più o meno spurie.
La notte della chitarra acustica potrà sorprendervi allora, grazie a due giovani talenti dello strumento: serata im-per-di-bi-le!

Alberto Ziliotto
Nel 2009 ha autoprodotto il suo primo cd “Suono come sono” che lo ha portato a classificarsi tra i primi posti dei concorsi per chitarra acustica più conosciuti in Italia.
Alberto è stato inoltre il primo italiano ad essere riconosciuto artista del mese (Febbraio 2012) per la "K&K sound company", nota compagnia di amplificazione.  
A ottobre 2012 produce una serie di musiche per alcuni video pubblicitari della VVT, compagnia di trasporti pubblici di Innsbruck.
Dopo un Intensa attività concertistica Alberto si dedica alla registrazione del nuovo Album che pubblica il 6 di luglio 2013. “Tieniti tutto” viene recensito con successo da diverse riviste e blog internazionali riscuotendo interesse tra i lettori. Questo CD contiene dieci brani originali in cuisi sente l'inconfondibile stile musicale di Alberto.
Oltre all’attività da solista Alberto suona con diversi gruppi e vanta di collaborazioni internazionali, una di queste con il grande bassista Michael Manring che ha dato una nuova interpretazione al brano “Al Tramonto” tratto da “Tieniti Tutto”.
A settembre 2014 Alberto ha l’onore di pubblicare il suo primo video “Frenesia" per la “Candyrat Records” l’etichetta più celebre al mondo per la musica per chitarra acustica.
I brani di Alberto sono caratterizzati da melodie semplici contenenti idee armoniche e linee melodiche che ben riescono a rendere la freschezza, la spontaneità, la sensibilità di questo giovane chitarrista.

Matteo Gobbato

Matteo Gobbato intraprende lo studio della chitarra acustica all’età di 16 anni e si avvicina alla tecnica del fingerstyle nel 2006.
Nel 2011, dopo 5 anni di studio intenso sullo strumento, autoproduce il suo primo album dal titolo “Girovagando” contenente 9 tracce inedite.
Nel 2012 è finalista al premio “Miglior chitarrista emergente - New sound of Acoustic Music” indetto dall’Acoustic Guitar Meeting di Sarzana.
Nel 2012 diventa Taylor Guitar Artist e ad oggi collabora attivamente con la famosa casa americana.
Nel 2014 produce in collaborazione con Taylor Guitars e LR. Baggs il suo secondo album di pezzi originali “A window to somewhere” la cui open track “Cabio 66” viene pubblicata nel canale Youtube della famosa etichetta discografica canadese Candyrat Records.
BLOGFOLK: ““A Window To Somewhere” si inserisce a buon diritto tra i dischi più interessanti della scena fingerstyle italiana, non solo per la qualità intrinseca delle composizioni, ma anche per la capacità del chitarrista patavino di saper dosare virtuosismo e liricità.
”FOLK BULLETIN: “..la volontà è comunque quella di andare oltre i proprio punti di riferimento e di tracciare una via propria. E Matteo pare ci stia riuscendo molto bene.
”FINGERPICKING.NET: “Matteo Gobbato è uno di quei giovani chitarristi italiani (classe 1987) riuscito a ritagliarsi un significativo ruolo nel movimento fingerstyle nazionale e internazionale
”THE LONG JOURNEY:”Le composizioni di “A window to somewhere” denotano un ineccepibile passo in avanti sia per la fase compositiva, sia soprattutto per la maturità artistica che denota uno studio sullo strumento e soprattutto sulla propria analisi introspettiva che porta ad una maturità personale artistica in crescita


Spettacolo ad ingresso libero.





Alberto Ziliotto
Alberto Ziliotto
Matteo Gobbato
Matteo Gobbato
logo spaziarti

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su