IL RESTAURO DEL PONTE DI RIALTO

PONTE DI RIALTO CON PONTEGGIO

anno 2012              


Studio di Fattibilità - Delib. G.C. n° 184 del 04 maggio

Piano di Comunicazione - Delib. G.C. n° 462 del 14 settembre

Bando per la ricerca di uno Sponsor
 

anno 2013              


Contratto di Sponsorizzazione
 

anno 2014              


Gara per appalto lavori
 

anno 2015              


Aggiudicazione dei lavori
Inizio lavori
 
 
L'intervento è realizzato grazie alla sponsorizzazione di OTB SpA per € 5.000.005,00, società selezionata a seguito di un bando pubblicato nel 2012.
Il contratto ha per oggetto la sponsorizzazione di puro finanziamento di tutte le attività relative al restauro del Ponte di Rialto, dal progetto alla realizzazione dei lavori. Allo  Sponsor  viene data la possibilità di promuovere il proprio brand  sulla  base di un  Piano della Comunicazione, redatto in collaborazione con la società  Vela SpA ed approvato dalla Soprintendenza B.A.P.  di Venezia e Laguna.
 
Il progetto di restauro è stato predisposto dalla Direzione Lavori Pubblici del Comune di Venezia,  che ne segue anche la direzione tecnico scientifica della realizzazione dei lavori, in condivisione con la Soprintendenza BAP di Venezia e Laguna.
Da prima sono state avviate un insieme di prove,   rilievi  ed   indagini,  che hanno consentito una maggiore  conoscenza del manufatto e la comprensione degli aspetti  da salvaguardare e da valorizzare, a garanzia della dovuta conservazione dell'integrità del manufatto.
Il Progetto Definitivo posto a base di gara è stato approvato dalla Soprintendenza BAP di Venezia e Laguna, con parere n° 11803 espresso il 25 settembre 2014.
 
Riordino delle Botteghe  -
 
Nell'ambito dell'intervento di restauro, in collaborazione con i proprietari delle "botteghe" presenti sul ponte, con gli esercenti e con la Soprintendenza BAP,  é stato avviato un percorso di riordino e valorizzazione del Ponte, nel mantenimento e nel ripristino degli elementi di pregio, ovvero  nella rimozione di fattori alteranti le caratteristiche tipologiche degli elementi che contraddistinguono il manufatto.
Questo lavoro ha prodotto un "abaco", approvato dalla Soprintendenza BAP e dal Comune di Venezia con Deliberazione del Commissario Straordinario n° 9 del 22 gennaio 2015, al fine di renderlo strumentazione urbanistica.
 

Impresa            

I lavori sono stati aggiudicati dall'Associazione Temporanea d' Imprese composta dalle ditte Lares Srl (capogruppo), Setten Genesio S.p.A. e Lithos Srl, a seguito di una procedura di gara "aperta" secondo il criterio dell'offerta tecnica economicamente più vantaggiosa.
 

Cantiere              

Particolare  attenzione è  stata posta alla progettazione  del  cantiere  ed alla  programmazione delle fasi di esecuzione dei lavori.  Il ponteggio è  stato pensato per creare il minor disagio possibile ai cittadini, ai commercianti ed ai turisti che quotidianamente  transitano e visitano il ponte,  predisponendo  percorsi esclusivi  e  protetti  dedicati  agli  addetti ai lavori e programmando l' esecuzione  di talune  lavorazioni in ore notturne, così da garantire la percorribilità del ponte negli orari di maggiore traffico oltre che l'accessibilità incondizionata ai negozi durante l'orario di consueta apertura, e separare nettamente i percorsi e le aree di cantiere da quelle pubbliche.
 

Comunicazione              

Consapevoli del valore storico culturale ed architettonico che il ponte riveste, si è scelto di dare massima diffusione alle informazioni relative ai lavori e al cantiere attraverso molteplici canali di comunicazione.
Sul ponteggio si possono trovare un totem oltre che pannelli informativi.
Sui principali social network si trovano specifiche pagine dedicate

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su