Città per tutti

Venezia accessibile

 

Cannaregio Ovest


itinerario
: Chiesa degli Scalzi  - Chiesa dei Santi Geremia e Lucia  - Palazzo Labia - Palazzo Savorgnan - Chiesa di San Giobbe - Chiesa di San Marcuola

 
 
mappa Cannaregio Ovest

 

 

Scarica la versione stampabile dell'itinerario:

 
 
Campo san Geremia

Il sestiere di Cannaregio è il più esteso di Venezia dopo quello di Castello. Occupa tutta la parte nord della città ed è il più popolato. Il suo nome deriva dall’antico Cannarecium, luogo caratterizzato dalla presenza di numerosi canneti, che in origine, quando la zona era ancora disabitata, occupavano tutto questo specchio d’acqua. L’arteria principale dell’intero sestiere è una delle vie più grandi della città e portadalla stazione di Santa Lucia a Rialto. Come per altre unicità tipicamente veneziane, questa lunga strada è in realtà composta da più "pezzi": Lista di Spagna, Strada Nova, Mercerie. E' comune però chiamarla solo Strada Nova, pur indicando tutto il tratto.

[ 1 ]
Dopo aver preso da Piazzale Roma il vaporetto dellalinea 1 o 2 (accessibile alle carrozzine) scendete alla fermata Ferrovia di fronte alla Stazione Ferroviaria.

[ 2 ]
Dall’imbarcadero, proseguite lungo Fondamenta degli Scalzi dove sorge la Chiesa degli Scalzi,caratterizzata dall’imponente facciata, in stile barocco veneziano, ritmata dalle semicolonne addossate, dalle nicchie ornate di statue e coronate da un ricco frontone che contrasta con il voto di povertà dell’Ordine dei Carmelitani Scalzi. Al suo interno, nelle volte delle cappelle laterali, rimangono tracce di alcune opere di Giambattista Tiepolo. L’ ingresso presenta tre gradini (17 cm) provvisti di corrimano.

 
 
Ponte delle Guglie

[ 3 ]
Proseguendo verso Rio Terà Lista di Spagna arriverete in Campo San Geremia, dove si affacciano da un lato Palazzo Labia e dall’altro la Chiesa dei Santi Geremia e Lucia.
Palazzo Labia è stato costruito nel XVIII secolo dai Labia, famosi mercanti catalani che vollero erigere un palazzo degno della loro potenza e del loro prestigio. All’interno di rilievo vi è lasala da ballo affrescata dal Tiepolo. Ora il Palazzo è sede regionale della RAI.
La Chiesa dei Santi Geremia e Lucia è stata edificata nel XI secolo e poi ricostruita nel 1292. L’ interno a croce greca conservale spoglie di Santa Lucia. Molto bello e pregiato è l’altare, con il suo presbiterio, nel quale si possono ammirare le statue di San Pietro e San Geremia Apostolo di Pier Antonio Novelli e l’opera”La Vergine ssiste all’incoronazione di Venezia fatta dal Vescovo S. Magno” di Palma il Giovane.
Per accedervi ci sono due ingressi: quello principale, prospiciente il Campo San Geremia, è reso difficoltoso dalla presenza di nove gradini (19 cm), mentre quello secondario,si trova alla fine di Fondamenta Cà Labia al civico 335, sul rio di Cannaregioe non presenta alcun gradino. Per raggiungere la fondamenta è necessario peròsuperare una rampa di 5 gradini del Pontedelle Guglie ( la pedataè profonda 93 cm e alta 12,5 cm).
La chiesa è aperta nei giorni feriali dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 16.30 alle 18.30 e nei giorni festivi dalle 9.30 alle 12.15 e dalle 17.30 alle 18.30.

[ 4 ]
Tornando verso il Ponte delle Guglie, a gradino agevolato, e proseguendo lungo Fondamenta Savorgnan alla vostra sinistra potrete ammirare Palazzo Savorgnan interessante costruzione con monumentali stemmi eretta alla finedel ‘600 su modello di Giuseppe Sardi, ora sede dell’Istituto tecnico per il Turismo Algarotti.
Giunti al Ponte De la Crea percorrete la passerellaa raso che si trova alla sinistra del ponte fino araggiungere Campo San Giobbedove si trova l’omonima chiesa.


 
 
Chiesa di San Marcuola

[ 5 ]
L’attuale Chiesa di San Giobbe è stata costruita verso la metà del ‘400 su modello di Pietro Lombardo e rappresenta uno dei primi esempi di architettura rinascimentale a Venezia che trova la massima espressione nella Cappella Martini con il soffitto in maiolica invetriata attribuito a Luca della Robbia. All’interno della Chiesa, a navata unica, sono custoditi alcuni dipinti di Bonifacio De’Pitati, Savoldo e lo splendido trittico di Antonio Vivarini rappresentante L’Annunciazionetra i Santi Antonio da Padova e Michele Arcangelo.
L’accesso alla chiesa presenta un gradino (dislivello di 9 cm in salita e 23 cm in discesa).

[ 6 ]
Raggiungendo nuovamente il Ponte delle Guglie, è possibile proseguire lungo Rio Terà San Leonardo fino ad arrivare a Rio Terà del Cristo ove si trova la Chiesa dei SS. Ermagora e Fortunato detta di San Marcuola.
La chiesa di origine settecentesca è composta di un'unica navata quadrata coperta da unavolta strutturata con grandi finestre semicircolari e nel presbiterio si possono notare 8 altari ricchi di opere d'arte; tra queste, spicca "L'Ultima cena”e “La lavanda deipiedi” del Tintoretto. La facciata dell'edificio che si affaccia sulCanal Grande, progettata da Giorgio Massari, è ancora incompiuta.
La chiesa è aperta tutti i giorni dalle 9.00 alle 11.00.


Nel sestiere di Cannaregio si trova anche il Ghetto ebraico, il primo ghetto d’Europa, oggi vivo e frequentato rione della città dove permangono le istituzioni religiose e amministrative ebraiche e cinque sinagoghe. Il paesaggio urbano è caratterizzato da alti edifici a più piani che dimostrano quanto fosse aumentata, attraverso gli anni, la densità della popolazione. Il ghetto è diviso nel Ghetto Novo e nel Ghetto Vecchio. Per raggiungere il primo dove si trova il Museo Ebraico è necessario superare il Ponte di Gheto Novo (costituito da una rampa di 9 gradini di 15 cm e una di 8 gradini di 17 cm) oppure quello di Gheto Vecio (una rampa di 9 gradini di 13 cm e una di 8 gradini di 13 cm). Il museo ebraico e le sinagoghe presentano numerose rampe di scale. Il campo di Ghetto Vecchio si raggiunge superando il Ponte delle Guglie e percorrendo Fondamenta de Cannaregio.

Per ulteriori informazioni:
www.chorusvenezia.org
www.museoebraico.it


 
 
 
 

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su