Realizzati i murales all'esterno dell'Auditorium Lippiello alla Cipressina

Una splendida realizzazione a cura di Acrag e di Associazione Spazio Arti Figurative “Lorenzo Lotto”

li 1li 2li 3li 4

La Municipalità di Chirignago Zelarino ha chiesto nel 2014 all’Associazione Culturale Ricreativa A. Gramsci di produrre un progetto di Murales per i portici del Centro Civico "Antonio Lippiello" della Cipressina.
L’Associazione ha accettato di buon grado l’incarico e ha ritenuto opportuno coinvolgere gli artisti della Scuola Spazio Arti Figurative Lorenzo Lotto di Mirano e il professore che li guida - Gianfranco Quaresimin -, conosciuti per le loro capacità artistiche e professionali.
I pittori Elena De Rocco , Giuliano Franco e Bruno Tonolo hanno condotto - collaborando anche con il Gruppo Anziani Autogestito "Solidarietà" e con l'associazione culturale "I Sette Nani" - una ricerca storica sulla Cipressina: dal fiume Marzenego alla trattoria “Da Baldan”, dal pioppo cipressino ai “Bagnanti”, dal mulino ai migranti, dai campi di grano agli insediamenti urbani.  E' partito un lavoro di coordinamento per i lavori di progettazione e di esecuzione dell’opera, con l’obiettivo di migliorare il decoro urbano e avvicinare la gente all’arte, rendendo mitico il territorio in cui vive.
Il tutto è stato realizzato entro la metà di giugno in una molteplicità di stili secondo la sensibilità di ogni artista.

Gli artisti che hanno partecipato e le opere realizzate sono:
CristinaScantamburlo: “CAMPO DI GRANO”
Dina Pianetti: “LA VESPA”
Lucia Marchesin “IL TRENO”
Sara Perale: “LE BICICLETTE”
Manuela Cittadoni e Alessandra Tore: “DRIADE”
Bruno Tonolo: “I MIGRANTI”
Sara Perale in collaborazione con Sandra Villa: “L’ORATORIO”
Giuliano Franco: “IL MULINO
Elena De Rocco:“L’ALLUVIONE”
Francesca Bovo: “I LPIOPPO CIPRESSINO”
Loredana De Zorzi  con la collaborazione di Giuliana Bonini: “DA BALDAN”
Sandra Villa: “La GIOSTRA”

 
OPERA COLLETTIVA “IL MARZENEGO E I BAGNANTI”  Francesca Bovo, Giuliano Franco, Bruno Tonolo, Lucia Marchesin, Elena De Rocco, Manuela Cittadoni, Alessandra Tore.

 
L’aiuto reciproco, i suggerimenti e gli interventi di tutti gli artisti sull’intera opera dellaCipressina sono stati preziosi.
Si ringraziano inoltre per l’aiuto Giuseppina Turcato e Marta Simion.

Dal comunicato stampa in data 16 giugno 2014

    Il fiume Marzenego popolato da creature mitologiche come le Driadi, i bambini che giocano a nascondino nei campi, il pioppo cipressino, il territorio tagliato in due con l'arrivo della ferrovia; e poi ancora il mulino, i migranti in arrivo prima da Venezia e poi da tutto il mondo, la trattoria “Da Baldan”, per molti anni al centro della vita cittadina, le alluvioni degli anni Sessanta, l'oratorio di Paccagnella, la giostra per i più piccoli, le biciclette e le prime Vespe: c'è tutta la storia della Cipressina sui murales realizzati sui portici del Centro civico Lippiello di Zelarino dall'associazione culturale e ricreativa Acrag con gli artisti della Scuola Spazio arti figurative Lorenzo Lotto di Mirano. Il progetto, nato su proposta della Municipalità di Chirignago Zelarino per abbellire e riqualificare gli spazi del Centro civico, che ospita numerose associazioni, è stato illustrato oggi nel corso di una conferenza stampa alla quale sono intervenuti il presidente della Municipalità di Chirignago Zelarino, Maurizio Enzo, il responsabile del Servizio Cultura e Sport, Alfredo Rispoli, e i rappresentanti dell'associazione Acrag.

    “Quella che presentiamo oggi - ha commentato il presidente Enzo - è un'opera d'arte che ha valore anche storico: un racconto per immagini della trasformazione della Cipressina, che da territorio rurale è diventata negli anni Sessanta sede di uno dei primi insediamenti urbani nati per ospitare gli operai che dal centro storico di Venezia si spostavano in Terraferma per andare a lavorare nelle fabbriche di Porto Marghera”. “Questo progetto – ha proseguito – è la dimostrazione concreta di come la collaborazione tra l'Amministrazione comunale e il volontariato produce frutti buoni: un segnale positivo per tutta la città, soprattutto in un momento delicato come questo, dove si è tentati di vedere solo gli aspetti negativi. Mi auguro che un concorso di idee simile possa essere fatto anche per abbellire piazza San Giorgioa Chirignago”.

    A completare il ciclo dei murales, realizzati dai vari artisti con stili di volta in volta differenti, l'opera collettiva “Il Marzenego e i bagnanti”,  un omaggio al fiume, ora per gran parte interrato, che per molto tempo ha fatto parte della storia della Cipressina.

    “Il progetto al Lippiello – ha concluso Rispoli – è destinato ad ampliarsi: giovani artisti di spray art decoreranno infatti altre pareti dell'edificio durante il periodo estivo e intorno a metà settembre organizzeremo un evento per l'inaugurazione complessiva delle opere realizzate”.

li 5

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su