Manutenzione urbana e salvaguardia: Maggioni porta in Giunta 27 delibere Si attende solo l'arrivo dei soldi della legge speciale

Manca solo la firma del ministro al decreto:una volta apposta, con i 40 milioni di fondi della Legge Speciale, ilComune potrà procedere per arrivare, nel più breve tempopossibile, alla realizzazione di una serie di lavori di manutenzione esalvaguardia che il centro storico di Venezia attende da anni. Nelfrattempo, però, l'Assessorato ai Lavori pubblici nonè restato ad aspettare: ha dato infatti il via ad un vastolavoro di progettazione preliminare che è stato presentato lo scorso 28 giugno  dall'assessore ai Lavori pubblici, AlessandroMaggioni, con una conferenza stampa svoltasi a Ca' Farsetti, allapresenza dei dirigenti del settore, Manuel Cattani, Franco Gazzarri eRoberto Benvenuti.

    “In tutto sono 27 le delibere che abbiamoportato in Giunta – ha spiegato Maggioni – su interventiche riguardano il centro storico e le isole, per un totale di quasi 19milioni di euro. Si tratta di progetti che si faranno concretamente,contiamo di partire dalla tarda primavera 2014, su cui i nostri ufficicontinuano a lavorare per giungere alla progettazione definitiva. Conqueste delibere e l'impegno a procedere in modo snello e velocevogliamo mostrare una volta di più al Governo quanto sianonecessari questi soldi: non si tratta infatti certo di spesesuperflue, ma della risoluzione di problemi che riguardano laquotidianità di una città che vuole vivere in manieranormale.”

    Gli interventi saranno di “manutenzioneurbana” e “puntuali”. Questi ultimi, in particolare,ne includono alcuni tra i più attesi dalla cittadinanza, maanche dai visitatori del centro storico: in area marciana verràrestaurato il Ponte della Zecca, sarà poi rifatta lapavimentazione della Riva dei Giardinetti Reali, nonché quelladelle Procuratie Vecchie e dell'Ala Napoleonica, e sistemataquella di Piazza San Marco; inoltre si procederà allamanutenzione della facciata interna (lato ovest) di Palazzo Ducale. Cisi occuperà però anche della pavimentazionenell'area realtina, in particolare sotto il sottoportico che correparallelo a ruga Rialto, dove, peraltro, si darà anchesistemazione e continuità ai negozi presenti, di concerto con icommercianti interessati. In previsione dello sblocco dei fondi, ilComune ha altresì deciso di finanziare in proprio i lavori dimanutenzione del Ponte dell'Accademia. Qui si procederà inmodo tale che tra il materiale ligneo e quello metallico vi siaun'intercapedine ventilata, per evitare il ristagno dell'acquae quindi l'eccessiva usura: l'obiettivo infatti èquello di giungere ad un restauro che dia esiti più duraturiche in passato.

    Verranno poi sistemate l'area di RioTerà dei Pensieri, rispondendo finalmente alle tantesegnalazioni pervenute all'Assessorato da parte dei residentidella zona; riqualificate le aree verdi di Viale Garibaldi, grazie adun percorso partecipato costruito con i cittadini della zona; eristrutturato l'approdo di Santa Chiara a Piazzale Roma.

    Per quanto riguarda infine gli interventi di“manutenzione urbana”, ossia quella miriade di lavorispiccioli e diffusi, che, se eseguiti con regolarità,dovrebbero impedire il degrado, sono previsti una serie di azioni suiponti in legno, nonché sulle rive e sulle strade del centrostorico e delle isole. A tale riguardo la Direzione ai Lavori pubblicista lavorando per riprendere l'attività di presidio delterritorio, al fine di auto-segnalare ed intervenire puntualmentesulle situazioni di criticità. Il Comune si occuperà poidella sistemazione degli impianti di alcune sedi museali, per ottenereil certificato di prevenzione incendi, nonché dellamanutenzione della sede giudiziaria “Fabbriche vecchie eNuove” di S.Polo. Intervenendo poi su una parte del complessoconventuale di S.Michele in Isola, l'Amministrazioneprovvederà a restaurare un alloggio, affinché la Curiapossa garantire un presidio costante. Infine, sono previsti una seriedi interventi nelle scuole dell'estuario e l'installazione diimpianti fotovoltaici, tanto al centro logistico al Tronchetto, quantosu alcune scuole del centro storico. Questi ultimi, in particolare,saranno oggetto di bando di gara, com'è già avvenutoper l'illuminazione pubblica e le caldaie.

 

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su