Detourism: Venezia come non l'avete mai vista

Logo Progetto Detourism Turismo Sostenibile Città di Venezia

Consigli per viaggiatori curiosi che amano le deviazioni dai soliti percorsi.

DETOURISM è la campagna della Città di Venezia per promuovere il turismo slow e sostenibile. I viaggiatori che arrivano in laguna sono invitati a scoprire il piacere di perdersi in una Venezia inedita e segreta, lontana dal circuito del turismo di massa, scegliendo itinerari fuori dall'ordinario e seguendo i buoni consigli dell'eco-galateo per Venezia per trasformare il proprio viaggio nella città lagunare in un viaggio lento, eco-sostenibile e consapevole.

DETOURISM
è il portale turistico ufficiale di Venezia, le mappe tematiche di Venezia, il web magazine, la newsletter, ed è su social media come Facebook, Twitter, Google +, Pinterest, Instagram e Youtube.

 
Logo Detourism Città di Venezia Turismo Sostenibile #barca #canale #estate
Foto di Istituzione Parco della Laguna

Perchè DETOURISM?
Perché Venezia è la città perfetta in cui perdersi.
Per vivere Venezia come i veneziani.
Per scoprire un'altra Venezia.
Vi invitiamo a diventare deturisti, a scoprire quello che le guide non dicono, a percorrere itinerari fuori dai luoghi comuni e a sperimentare incontri inaspettati.

Venezia non è una città per turisti. La differenza tra turista e viaggiatore passa per l'idea di DETOURISM: per scoprire l'anima nascosta di Venezia, è necessario percorrere la città con lentezza, guardarla con gli occhi di chi ci vive, alla ricerca dei luoghi più autentici e meno noti di Venezia e delle isole della laguna.

DETOURISM
è innanzitutto una collana speciale di mappe tematiche della città e della sua laguna, pubblicate sia in edizione cartacea tascabile sia in edizione digitale su Google Map.
Apre la collana Fuorirotta, l'altra mappa di Venezia, la prima guida di Venezia per un viaggio bio-eco solidale nella laguna. Grazie a Fuorirotta potrete scoprire l'«altra» Venezia: quella dei mercati biologici, dei parchi, dei locali che offrono prodotti a chilometro zero, delle botteghe artigiane. La mappa accompagna il visitatore tra la città storica, le isole, e anche la terraferma con Mestre e Marghera, segnalando piùdi 60 attività tra botteghe, aziende agricole, negozi di usato e di commercio equo e solidale.
Guarda la Mappa Fuorirotta 2014

Lasciatevi ispirare dai nostri suggerimenti di viaggio scegliendo tra più di una ventina di itinerari - o meglio, detour - al di fuori delle usuali rotte turistiche, da leggere sul vostro smartphone o tablet o se preferite da stampare e portare in tasca. Troverete i consigli per esplorare le zone meno conosciute, girare la città e le isole a piedi, in sella alla bicicletta o in barca, fare del vostro viaggio in laguna un viaggio lento ed eco-sostenibile.

Ogni mese su Detourism, il web-magazine sfogliabile, non perdete le idee migliori per concedervi un tour insolito in laguna e scoprire una Venezia che non vi sareste mai aspettati.
Sfoglia l'ultimo numero di Detourism Magazine

La newsletter settimanale Detourism raccoglie suggerimenti per visitare una mostra d'arte o un evento non consueti, ed esplorare così la città con un detour casuale, spesso affascinante quanto la meta iniziale.
Iscriviti alla newsletter Detourism

 
Logo Detourism Turismo Sostenibile Città di Venezia #calle #pannistesi #estate

Se prima di partire, siete alla ricerca di qualche ispirazione letteraria per il vostro viaggio, ecco i nostri suggerimenti per scoprire l'altra Venezia di poeti e scrittori:

"Andare in giro per calli e campi, senza un itinerario stabilito, è forse il più bel piacere che a Venezia uno possa prendersi. Beati i poveri in topografia, beati quelli che non sanno quello che fanno, ossia dove vanno, perchè a loro è serbato il regno di tutte le sorprese..."

Diego Valeri, Guida sentimentale di Venezia

"Qualunque meta tu possa prefiggerti nell’uscire di casa, sei destinato a perderti in questo groviglio di calli e callette che ti invitano a percorrerle fino in fondo, ti lusingano e ti ingannano, perché in fondo c’è quasi sempre l’acqua di un canale. (….) Questa città non ha né un Nord né un Sud, non ha né Est né Ovest; non ti indica una direzione, sempre e solo vie traverse. (….) Non ti aiutano molto nemmeno le frecce gialle agli incroci, perché sono tutte curve, anche loro. Non ti confortano: ti confondono."
Iosif Brodskij, Fondamenta degli Incurabili

"Dove stai andando? Butta via la cartina! Perché vuoi sapere a tutti i costi dove ti trovi in questo momento? D'accordo: in tutte le città, nei centri commerciali, alle fermate degli autobus o della metropolitana, sei abituata a farti prendere per mano dalla segnaletica; c'è quasi sempre un cartello con un punto colorato, una freccia sulla mappa che ti informa chiassosamente: "Voi siete qui". Anche a Venezia, basta che alzi gli occhi e vedrai molti cartelli gialli, con le frecce che ti dicono: devi andare per di là, non confonderti, Alla ferrovia, Per san Marco, All'Accademia. Lasciali perdere, snobbali pure. Perché vuoi combattere contro il labirinto? Assecondalo, per una volta. Non preoccuparti, lascia che sia la strada a decidere da sola il tuo percorso, e non il percorso a farti scegliere le strade. Impara a vagare, a vagabondare. Disorientati. Bighellona."
Tiziano Scarpa, Venezia è un pesce


Stay social!
Seguici su Facebook, Twitter (@DetourismVenice), Pinterest, Google+, Instagram, Vimeo e Youtube!
 
BUON DETOUR!
L'Ufficio Turismo Sostenibile della Città di Venezia

 

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su