immagine tempo reale

La domanda di assistenza allo sfratto

Il Comune di Venezia, allo scopo di prevenire, contenere e superare l'emergenza abitativa, fornisce assistenza alle famiglie residenti sottoposte a provvedimento esecutivo di sfratto per finita locazione con presenza di forza pubblica e in possesso per i requisiti previsti per l'accesso all'ERP e al patrimonio disponibile comunale. Le modalità di assistenza - regolate [DELIBERAZIONE DI G.C. N. 3090 del12/09/1996; DELIBERAZIONE DI G.C. N. 382 del 05/03/1998] dalla delibera di Giunta Comunale n.14 dell'11/02/2008 - prevedono l'assegnazione di allogio ERP fino al raggiungimento del tetto percentuale per l'emergenza abitativa stabilito dal Consiglio Comunale, o nelle speciali graduatorie eventualmente previste da norme statali o regionali. In alternativa i nuclei sono assistiti con l'assegnazione di contributi all'affitto e/o con contratti a termine relativiad alloggi di cui il Comune è conduttore, così come previsto dalla Legge 431/98. In caso di sfratto nella Città Storica e nelle Isole, gli inquilini in possesso dei requisiti per accedere all'ERP possono essere assistiti conl'assegnazione con contratti a termine, privilegiando comunque, al momento di regolare il rapporto con i suddetti nuclei sfrattati, quelle forme contrattuali che, per durata, ne garantiscano il massimo grado di stabilizzazione, con particolare riferimento alla durata quattro più quattro, anche utilizzando glialloggi comunali non rientranti nell'ERP in virtù del procedimento previsto dall'art. 1 della L.R.10/96

 

Le domande di assistenza allo sfratto attive al 31 dicembre 2009 erano complessivamente 178, di cui 129 in centro storico ed estuario e 49 in terraferma. Nel secondo semestre del 2009 le nuove domande di assistenza sono state 22 (13 in centro storico e 9 in terraferma), mentre i casi risolti sono stati 36 (22 nella città storica e nell'estuario e 16 in terraferma).
La differenza tra il numero di casi risolti e quello delle nuove domande, ha fatto sì che il numero di domande attive al 31 dicembre sia diminuito sia in centro storico ed estuario (-6,5%) sia in terraferma (-9,3%).

 

Domande di assistenza allo sfratto attive al 31 dicembre 2009

immagine tempo reale
 

Domande di assistenza allo sfratto. Casi risolti per tipologia di soluzione. Anno 2009

immagine tempo reale

* Per bonus si intende l'erogazione temporanea di un contributo economico; per stipula accordo si intende la stipula di un accordo tra Comune e proprietario dell'alloggio il quale concede, dopo essere rientrato in possesso del proprio alloggio con l'intervento della forza pubblica, una proroga per la liberazione effettiva dell'alloggio. Entrambe le soluzioni sono temporanee e portano quasi sempre all'assegnazione di un alloggio pubblico.

** Comprende le soluzioni intervenute per rinnovo del contratto di locazione, decesso, ingresso in casa di riposo ecc.


 

Il centro storico rimane comunque la zona in cui sono più concentrate le domande di assistenza (con il 72% dei casi).
Il grafico seguente evidenzia, in proposito, che in questa zona le domande di assistenza allo sfratto sono quasi 3 ogni mille nuclei familiari residenti, contro lo 0,6 della terraferma.

Domande di assistenza allo sfratto attive al 31 dicembre 2009

immagine tempo reale
 

Per quanto riguarda le diverse tipologie con cui si sono risolti i 36 casi nel secondo semestre del 2009, notiamo che circa il 53% dei casi hanno richiesto l'intervento dell'Amministrazione Comunale, mentre il 47% ha trovato un altro tipo di risoluzione (liberazione spontanea dell'alloggio, nuovo accordo con la proprietà, decesso dell'inquilino ecc.).
Di tutte le famiglie il cui caso è stato risolto con l'intervento diretto del Comune, l'84% ha avuto direttamente l'assegnazione di un alloggio mentre il 16% ha usufruito di un bonus o di una proroga per la liberazione dell'alloggio da parte della proprietà in attesa che l'Amministrazione assegni alla famiglia sottoposta a sfratto un proprio alloggio.


Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su