Bertoldini aderisce a "Veneziani X Venezia": restaurerà tre vere da pozzo

L'adesione dell'azienda Ettore Bertoldini Costruzioni metalliche a "Veneziani X Venezia" - iniziativa del Comune e di Fondaco per coinvolgere imprenditori locali nella tutela del patrimonio storico artistico - è stata presentata oggi a Ca' Farsetti con una conferenza stampa alla quale sono intervenuti il sindaco di Venezia, Massimo Cacciari, l'assessore comunale ai Lavori pubblici di Venezia, Mara Rumiz, il presidente di Fondaco, Enrico Bressan, Piero Bertoldini, il responsabile dell'Ufficio Marketing e Immagine, Claudio Madricardo. Con il motto "Batti il ferro finché è caldo", l'azienda Bertoldini, storici fabbri artigiani con tre secoli di ininterrotta attività a Venezia, di padre in figlio (oggi Ettore e Piero) provvederà al restauro di tre vere da pozzo: in campo Santi Giovanni e Paolo, campo Santa Maria Formosa, campo Santo Stefano.

L'assessore Rumiz ha annotato come l'adesione di Bertoldini a "Veneziani X Venezia", la sesta in due anni, testimoni la vitalità del progetto ideato da Enrico Bressan, e smentisca la "lagna" degli ultimi tempi sulla morte di Venezia, che invece sta dando il meglio di sé ed è radicalmente migliorata rispetto a vent'anni fa, quando, pur in presenza di abbondanti risorse finanziarie, era in crisi profonda di vitalità. Oggi invece è evidente la volontà dei veneziani di prendersi cura della loro città, il che prima non succedeva, quando soltanto i Comitati privati, esterni a Venezia, finanziavano interventi di restauro del patrimonio storico artistico.

Il sindaco, raccogliendo uno spunto di Piero Bertoldini, ha denunciato la scarsa attenzione del Paese verso settori vitali, come l'artigianato, che tengono in piedi l'Italia; il futuro del Paese non può più essere legato alla grande industria e alla produzione di massa - perdenti a fronte di Paesi con minori costi del lavoro e dell'energia - ma deve essere costruito sui servizi innovativi, su industrie con produzione ad alto valore aggiunto (il made in Italy), sull'artigianato di qualità, e quindi sulla formazione, sulla ricerca, sulla tecnologia che queste produzioni richiedono, nella prospettiva, unica vincente, che la produzione e l'occupazione mirino tutte alla qualità. Nel catalogo dei lavori eseguiti dalla Bertoldini, il sindaco ha rilevato l'ampia presenza di luoghi legati alla cultura e al turismo di qualità, da Ca' Pesaro a Ca' Foscari, dalla Fenice alla Querini Stampalia, per ricordare che Venezia non sono soltanto 60 mila residenti, ma 25 mila studenti, 30 mila pendolari per lavoro, venti milioni di visitatori...

Cacciari ha poi ribadito quanto affermato in altre simili occasioni: che sono proprio imprenditori che nei diversi ambiti hanno compreso l'esigenza della qualità, i migliori nel loro lavoro, quelli che aiutano la città; e, viceversa, sono quelli che capiscono il ruolo sociale del loro lavoro, l'impegno verso il territorio, i migliori nei loro comparti di attività: per questo ha definito "un caso esemplare", un esperimento di tipo culturale e sociale di grande rilievo l'iniziativa di Fondaco.

Venezia, 23 novembre 2009 / lp 

 

Bertoldini aderisce a "Veneziani X Venezia"Bertoldini aderisce a "Veneziani X Venezia"

Attenzione: la pagina potrebbe avere contenuti non aggiornati


Questa pagina riporta informazioni provenienti dall'archivio del sito precedente.
I contenuti potrebbero non essere aggiornati.

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su