Il Governo della Municipalità

Organigramma

 
 
Struttura del Governo della Municipalità Vai alla pagina delle Commissioni consiliari Vai alla pagina della Conferenza dei Capigruppo Vai alla pagina dell'Esecutivo della Municipalità Via alla pagina del Consiglio di Municipalità Vai alla Pagina del Presidente della Municipalità
 
 

 

La Municipalità e le sue competenze

 
 

Natura, compiti e principi dell'Istituzione Municipale.

Articolazioni territoriali ed organi delle Municipalità
1. Le Circoscrizioni del Comune di Venezia sono costituite in Municipalità per rappresentare le rispettive comunità, curarne gli interessi e promuoverne lo sviluppo nell’ambito dell’unità del Comune di Venezia e nella prospettiva della Città Metropolitana. Competono alla Municipalità le funzioni amministrative del Comune da individuare nella piena esplicazione, sul piano locale, dei principi di differenziazione ed adeguatezza, propri della sussidiarietà.
In sede di approvazione del bilancio di previsione il Consiglio comunale assegna alla Municipalità le risorse necessarie all’espletamento delle funzioni e attività individuate col criterio di cui al comma precedente.
(...)
3. Richiamati i poteri di autonomia ed autorganizzazione previsti per i Comuni dal Titolo V^ della Costituzione, sono organi della Municipalità: il Consiglio, il Presidente e l’Esecutivo Municipale il quale ha compiti attuativi delle deliberazioni e decisioni del Consiglio municipale. Il Presidente e il Consiglio di Municipalità sono eletti a turno unico. Per la formazione delle liste elettorali deve essere assicurata la rappresentanza di entrambi i sessi nei Consigli di Municipalità, come disciplinato nel Regolamento.
Le attribuzioni delle Municipalità possono essere diversificate in relazione a specifiche condizioni locali. Al Presidente della Municipalità, spetta l’indennità di funzione, mentre ai Consiglieri delle Municipalità un gettone di presenza nella misura e con le modalità previste per gli organismi di decentramento dalla normativa vigente. I componenti l’Esecutivo Municipale sono previsti fino a cinque per le Municipalità con popolazione superiore ai 50.000 abitanti e fino a quattro per le altre Municipalità e nominati dal Presidente tra i Consiglieri eletti dai cittadini elettori.
4. Le Municipalità possono istituire Delegazioni di Zona rappresentanti le istanze di determinate località ricomprese nel loro territorio.
5. La Giunta esercita il controllo sugli Organi della Municipalità nelle forme sancite dal regolamento.
6. Il Regolamento Comunale per le Municipalità disciplina le attribuzioni ed il funzionamento degli Organi Municipali e delle Delegazioni di Zona. Nei casi in cui non vi sia espressa norma regolamentare si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni vigenti per gli Organi Comunali.
(Art. 22 dello Statuto del Comune di Venezia) 
 
Funzioni delle Municipalità
1. Le Municipalità esercitano le funzioni ad esse attribuite dallo Statuto e dal Regolamento. Sovrintendono a tutti i servizi, le attività, i procedimenti a loro assegnati, e le deleghe sono attribuite secondo il principio di sussidiarietà.
2. Inoltre esse esprimono pareri obbligatori su:

  • L’istituzione, i compiti e le norme sul funzionamento degli organismi di decentramento e di partecipazione;
  • I programmi anche di opere pubbliche, le relazioni previsionali e programmatiche che interessano la Municipalità;
  • I Bilanci annuali e pluriennali, le relative variazioni interessanti il territorio di competenza della Municipalità ed i conti consuntivi;
  • Gli strumenti urbanistici che riguardano la Municipalità;
  • I piani di acquisizione e dismissione del patrimonio comunale compreso nel territorio di competenza della Municipalità.

(Art. 23 dello Statuto del Comune di Venezia) 
 
Organi di Municipalità
1) Ogni Municipalità, per l’esercizio e la gestione delle funzioni proprie e delegate è dotata di Organi istituzionali e di Organismi interni ausiliari.
          1) Sono Organi istituzionali di Municipalità:
                 a) il Consiglio
                 b) il Presidente
                 c) l’Esecutivo
          2) Sono Organismi interni ausiliari:
                 a) la Conferenza dei/lle Capigruppo
                 b) le Commissioni consiliari permanenti
(Art. 3 del Regolamento comunale delle Municipalità) 

 
Poteri
1) Il Consiglio di Municipalità è l’Organo collegiale di indirizzo e controllo politico-amministrativo della Municipalità e rappresenta le esigenze della popolazione ivi residente nell’ambito dell’unità del Comune. Ad esso compete, nel rispetto dei vincoli derivanti dagli atti di programmazione economico-finanziaria e di bilancio dell’Ente, il potere decisionale in ordine alle competenze delegate nel rispetto ed in esecuzione della normativa vigente.
2) Il Consiglio di Municipalità esercita poteri deliberativi in ordine alle materie proprie istituzionali ed alle materie delegate.
3) Al Consiglio di Municipalità compete inoltre l’esercizio dei poteri di iniziativa, parere e proposta su questioni ed interventi specifici concernenti l’ambito territoriale della Municipalità, anche promuovendo momenti di studio, di verifica, di informazione e indagine su temi economici, politici, sociali, culturali ed ambientali che interessano la collettività appartenente al territorio della Municipalità.
4) Con propria deliberazione, il Consiglio Comunale può delegare ulteriori funzioni alle Municipalità, purché accompagnate da apposite ed adeguate risorse in termini di personale, mezzi strumentali e finanziari.
5) L’attività degli Organi Collegiali è organizzata e condotta dal/lla Presidente in modo da favorire discussioni informate e decisioni sollecite e meditate.
(Art. 4 del Regolamento comunale delle Municipalità) 

 

Il Consiglio di Municipalità

Deliberazioni del Consiglio 
Il Consiglio di Municipalità con propria deliberazione:

  1. approva la convalida delle/degli eletti/e;
  2. approva a maggioranza assoluta dei/lle componenti il regolamento di funzionamento degli organi della Municipalità;
  3. formula orientamenti ed indirizzi in ordine all’esercizio delle competenze della Municipalità;
  4. esercita l’iniziativa su atti di competenza del Consiglio comunale, nei modi previsti dallo Statuto e/o dal presente Regolamento; 
  5. delibera sulle materie di competenza della Municipalità, siano esse istituzionali o delegate che non rientrino nelle competenze del/lla Presidente, dell’Esecutivo municipale e dei/lle Dirigenti; 
  6. approva le linee programmatiche di mandato; 
  7. approva il piano di attuazione programmatico con cadenza almeno annuale;
  8. approva propri regolamenti di organizzazione e gestione delle attività di competenza, nei limiti delle risorse assegnate e nel rispetto della normativa vigente;
  9. esprime pareri obbligatori nei casi previsti dallo Statuto comunale e di quelli richiesti dall’Amministrazione comunale su questioni di interesse della Municipalità; 
  10. approva le designazioni e nomine di propria competenza;
  11. approva proposte e interrogazioni da presentare all’Amministrazione comunale;
  12. propone progetti preliminari relativi a lavori di competenza della Municipalità da sottoporre all’approvazione della Giunta comunale.

(Art. 5, comma 1, del Regolamento comunale delle Municipalità) 
 
Rientrano tra le attività di carattere programmatorio, propositivo e consuntivo:

  1. la redazione di un rapporto annuale sullo stato e sui problemi della Municipalità in relazione ai fabbisogni sociali della popolazione;
  2. la formulazione di ipotesi e proposte di interventi da realizzare nel territorio della Municipalità di competenza del Comune o di altri Enti.

(Art. 5, comma 2, del Regolamento comunale delle Municipalità) 
 
Pareri Obbligatori
Il Consiglio di Municipalità esprime pareri obbligatori non vincolanti sulle materie e provvedimenti di cui al II comma dell’articolo 23 dello Statuto […].
Il Sindaco o l’Assessore delegato per materia possono richiedere al Consiglio di Municipalità anche pareri preventivi non obbligatori su atti di competenza del Consiglio o della Giunta Comunale che abbiano attinenza con specifici interessi della Municipalità […].
(Art. 6 del Regolamento comunale delle Municipalità) 

Proposte al Consiglio Comunale
Il Consiglio di Municipalità ha facoltà di esprimere di propria iniziativa proposte di deliberazione relative a problemi amministrativi interessanti la Municipalità, quali il funzionamento degli uffici decentrati, la gestione dei beni e dei servizi comunali, sanitari, assistenziali, culturali, scolastici, sportivi, ricreativi e di ogni altra specie presenti nel territorio della Municipalità, anche al fine di assicurare la rappresentanza delle esigenze della collettività locale […].
(Art. 18 del Regolamento comunale delle Municipalità) 

Interrogazioni al Sindaco e alla Giunta Comunale
Il Consiglio di Municipalità può, altresì, rivolgere con proprio atto deliberativo, approvato a maggioranza dei/lle componenti, interrogazioni al Sindaco ed alla Giunta Comunale per conoscere se un fatto sia vero, se un’informazione sia esatta, se e quali provvedimenti l’Amministrazione comunale abbia adottato o intenda adottare in ordine ad un determinato oggetto e in merito a specifiche problematiche [...].
(Art. 19 del Regolamento comunale delle Municipalità) 

Mozioni e Ordini del Giorno del Consiglio di Municipalità
E’ nella facoltà del Consiglio di Municipalità approvare mozioni e/o ordini del giorno su materie relative a problemi che, pur non delegate alla Municipalità, abbiano attinenza con interessi della stessa. [...]
Il Consiglio di Municipalità approva mozioni e ordini del giorno per la manifestazione di giudizi, valutazioni e apprezzamenti anche su questioni che non abbiano diretti riflessi su specifici interessi della Municipalità.
(Art. 20 del Regolamento comunale delle Municipalità) 

 

La/Il Presidente della Municipalità

Il/La Presidente di Municipalità è l’organo responsabile dell’amministrazione della Municipalità.
Rappresenta la Municipalità ed esercita le funzioni attribuitegli dallo Statuto e dai Regolamenti comunali, nonché le funzioni delegate dal Sindaco nella sua qualità di Ufficiale di Governo.
In particolare:

  1. sovrintende al funzionamento dei servizi, degli uffici ed all’attività amministrativa della Municipalità, fatte salve le attribuzioni dei/lle Dirigenti, formulando direttive e verificando il conseguimento degli indirizzi programmatici;
  2. convoca e presiede il Consiglio, l’Esecutivo, la Conferenza dei/lle Capigruppo nonché le assemblee pubbliche, delle cui istanze si rende interprete presso il Consiglio di Municipalità e la Civica Amministrazione;
  3. cura i rapporti con l’Amministrazione comunale, nonché con gli altri Enti, coadiuvato dall’ Esecutivo;
  4. concorda con i/le capigruppo consiliari l’ordine del giorno del Consiglio ed informa i/le Consiglieri/e dell’avvenuto deposito della relativa documentazione presso l’ufficio di supporto all’attività istituzionale del Consiglio;
  5. assicura il regolare svolgimento delle sedute del Consiglio, il coordinamento dell’attività del Consiglio con quella delle commissioni, nonché la disponibilità ai/lle Consiglieri/e della documentazione sugli atti amministrativi, sulle richieste dei/lle cittadini/e e sull’erogazione dei servizi, avvalendosi all’uopo dell’apposito ufficio di supporto all’attività istituzionale;
  6. segue, in collaborazione con gli Assessori comunali competenti, l’attuazione delle deliberazioni del Consiglio comunale inerenti la Municipalità;
  7. presenta annualmente, di norma entro il 30 aprile alla Giunta una relazione, approvata dal Consiglio di Municipalità, sull’attività della Municipalità e sui risultati raggiunti in base agli obiettivi programmati;
  8. partecipa alle sedute del Consiglio comunale, delle commissioni consiliari del Comune e della Giunta comunale nei casi previsti dallo Statuto e dal Regolamento del Consiglio comunale;
  9. presenta al proprio Consiglio entro tre mesi dalla sua prima seduta, il documento programmatico di governo;
  10. propone alla Giunta Comunale la concessione di patrocini, sentito l’Esecutivo.

(Art. 29, comma 1, del Regolamento comunale delle Municipalità) 
 
Funzioni delegate del/lla Presidente di Municipalità
Qualora il Sindaco, nella sua qualità di capo dell’Amministrazione comunale, conferisca deleghe al/lla Presidente di Municipalità, questi ne assumerà i compiti con le modalità di esercizio indicate nei relativi provvedimenti di delega […].
(Art. 30, comma 1, del Regolamento comunale delle Municipalità) 

 

L'Esecutivo di Municipalità

L’Esecutivo, in quanto organo istituzionale rappresentativo della Municipalità, si esprime collegialmente attraverso atti deliberativi ed ha le seguenti competenze:  
PROPOSITIVE
Si tratta di atti di natura preliminare riguardanti le proposte di deliberazione da sottoporre all’approvazione del Consiglio municipale.
DELEGATE / ATTUATIVE
Riguardano le proposte di deliberazione che l’Esecutivo approva su espressa delega del Consiglio o provvedimenti attuativi di deliberazioni del Consiglio e in particolare, l’approvazione in dettaglio delle varie attività, la concessione di contributi ad Enti ed Associazioni regolarmente iscritte all’albo comunale nel quadro dei criteri ed indirizzi fissati dal Consiglio e nel rispetto dei limiti da questo indicati.
PROPRIE
- Approvazione del piano per l’assegnazione degli spazi alle associazioni;
- Approvazione del piano per l’assegnazione delle palestre in orario extra scolastico;
- Proposta di progetti definitivi, relativi a lavori di competenza della Municipalità da sottoporre all’approvazione della Giunta comunale.

L’Esecutivo inoltre collabora con il/la Presidente nella definizione ed elaborazione dei documenti programmatici delle attività della Municipalità e nella verifica e controllo sullo stato di attuazione degli stessi, riferendo in merito al Consiglio.
(Art. 34, commi 1 e 2, del Regolamento comunale delle Municipalità) 

 

La Conferenza delle/i Capigruppo

La Conferenza dei/lle Capigruppo è l’organismo interno composto dal/lla Presidente, dal/lla Vice Presidente del Consiglio, dai/lle Capigruppo consiliari. (...) Collabora con il/la Presidente nella predisposizione dell’ordine del giorno delle sedute del Consiglio, mediante l’inserzione degli argomenti da trattare. (...)
La Conferenza dei/lle Capigruppo stabilisce inoltre le modalità di utilizzo dei locali della Municipalità per riunioni dei singoli gruppi consiliari o per altre attività dei medesimi.
(Art. 23, commi 1, 2 e 3, del Regolamento comunale delle Municipalità) 

 

Le Commissioni consiliari

Le Commissioni consiliari permanenti sono composte esclusivamente da Consiglieri/e della Municipalità e svolgono attività istruttoria per argomenti e provvedimenti di competenza del Consiglio di Municipalità.  
(Art. 24, comma 2, del Regolamento comunale delle Municipalità) 

 

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su