Città per tutti Venezia

Venezia accessibile

Immagine della passerella a raso

Insula San Pietro di Castello - Ponte Quintavalle

15 dicembre 2008 - 15 settembre 2009

In occasione della realizzazione del nuovo Ponte di Quintavalle, a Castello, torna "Aperto per lavori". Il ponte esistente, in rio di San Pietro, verrà demolito e al suo posto ne verrà costruito un altro in legno, completamente accessibile. Nel frattempo la viabilità pedonale sarà dirottata su una passerella a raso, progettata per il passaggio dei servizi a rete durante la ricostruzione del ponte. Lunga un centinaio di metri e larga due, la rampa collegherà Fondamenta Sant'Anna all'isola di San Pietro, che ospita l'omonima chiesa, titolare del Patriarcato di Venezia fino al 1807, quando il titolo passò a San Marco. Per tutta la durata del cantiere, circa un anno, le persone con disabilità avranno un'opportunità in più: dall'area dei Giardini e di Via Garibaldi potranno raggiungere l'isola di San Pietro e viceversa. 

 
 
Mappa dell'area interessata all'intervento
 

Per arrivare all'Insula San Pietro di Castello potete prendere i vaporetti delle linee 1, 2 (accessibili alle carrozzine) o i motoscafi delle linee 41, 51, 61 (accessibili ad una sola carrozzina per volta) e scendere alla fermata Giardini.

Da qui, proseguendo lungo Viale Garibaldi e poi Fondamenta Sant'Anna, dopo aver attraversato la passerella a raso adiacente al Ponte Quintavalle, arriverete nell'omonima Fondamenta.
Alla fine della fondamenta, percorrendo Calle drio el Campanile vi troverete in Campo San Pietro dove si affaccia la Chiesa di San Pietro di Castello. Interessante è la particolarità di questo campo che si differenzia dagli altri veneziani, di norma pavimentati, per il suo percorso obbligatorio, disegnato su un vero e proprio giardino.

La chiesa, costruita nel VII secolo, dopo varie ricostruzioni, presenta un'architettura di tipo palladiano, il rinnovamento della facciata è infatti opera di Francesco Smeraldi, in esecuzione di un precedente progetto di Andrea Palladio del 1556. Il Campanile, in pietra d'Istria è opera di Mauro Codussi. Le entrate della chiesa presentano quattro gradini. Al suo interno, di rilievo sono le Cappelle Vendramin e Lando, attualmente in restauro, che ospitano: la prima La Madonna col bambino e anime purganti di Luca Giordano; la seconda La Pala in mosaico di Arminio Zuccato su cartone di Jacopo Tintoretto. Si può ammirare inoltre la Cattedra di San Pietro, che secondo la tradizione è considerata il seggio dell'apostolo ad Antiochia.
Fu qui che vennero rapite le dodici spose che sono ricordate nella Festa delle Marie celebrata ogni anno nella Chiesa di Santa Maria Formosa.

Per ulteriori informazioni sull'accessibilità e gli orari di apertura della Chiesa, consultare: www.chorusvenezia.org

Per avere ulteriori informazioni sulla possibilità di visitare i monumenti e i luoghi d'arte presenti nella zona potete consultare l'itinerario Castello Est

 

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su