Accordi di cooperazione

Ministero degli Affari Esteri - Direzione Generale Cooperazione Culturale

 
Logo della Città diVeneziaLogo del Ministero degli Affari Esteri
 

Dichiarazione d'intenti
 

Tra la Direzione Generale per la Promozione e la Cooperazione Culturale del Ministero degli Affari Esteri, di seguito denominata Direzione Generale, nella persona del'Ambasciatore Francesco Aloisi de Larderel, Direttore Generale,

e il Comune di Venezia, rappresentato dal Sindaco, Prof. Paolo Costa

premesso che le parti riconoscono l'importante ruolo che sinergie operative fra Istituzioni Pubbliche, centrali e locali, possono svolgere per favorire la diffusione della cultura italiana all'estero e per sviluppare proficue relazioni con qualificati ambienti culturali stranieri, al fine di rendere più stabile la loro collaborazione, si conviene quanto segue:
 

  • La Direzione Generale e la rete degli Istituti Italiani di Cultura informeranno il Comune di Venezia degli eventi culturali programmati all'estero che possano risultare di interesse per il Comune di Venezia; 
  • La Direzione Generale e la rete degli Istituti Italiani di Cultura, nella programmazione delle attività di promozione culturale all'estero, valuteranno le potenzialità offerte dalla città di Venezia e dalle Istituzioni culturali che in essa operano;
  • Il Comune di Venezia informerà la Direzione Generale sulla programmazione di eventi che rivestano un carattere di natura internazionale;
  • La Direzione Generale esaminerà, unitamente alla rete degli Istituti Italiani di Cultura, la possibilità di fornire adeguata collaborazione per la riuscita delle manifestazioni, nonché per favorirne la promozione e la diffusione all'estero.
 

Accordi specifici potranno essere sottoscritti tra la Direzione Generale e il Comune di Venezia per l'attuazione di appositi progetti:
 

  • La Direzione Generale e il Comune di Venezia, concorderanno forme e modalità per l'erogazione di eventi volti a promuovere il patrimonio e le realtà culturali della città di Venezia, nonché per consolidare i rapporti della città con qualificati ambienti culturali stranieri;
  • Funzionari che verranno designati dalla la Direzione Generale e dal Comune di Venezia, provvederanno all'attuazione delle previsioni contenute nella presente Dichiarazione d'Intenti. I predetti funzionari dovranno riunirsi almeno due volte l'anno per la valutazione complessiva dell'attività convenuta.

 
Venezia, lì 6 aprile 2001

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su