Il Centro Maree

Particolari della sala operativa del Centro Maree
I monitor dedicati alle immagini da satellite in tempo reale e ai dati di monitoraggio della rete telemareografica (foto in alto) presenti nella sala operativa dell'ICPSM
 

All'inizio degli anni '70, il Comune di Venezia istituì il primo servizio di osservazione delle maree, per segnalare, con una sirena posta sul campanile di San Marco, l'avvicinarsi di gravi eventi. Nel 1980, a seguito dell'inondazione del 1979, fu istituito un nuovo servizio, il Centro Previsioni e Segnalazioni Maree, con il compito di garantire alla cittadinanza la massima informazione sulla marea ed un efficace e tempestivo servizio di allarme, in caso di acqua alta eccezionale. Per assolvere tali compiti il Centro si è progressivamente arricchito di sistemi sempre più perfezionati, raggiungendo un notevole livello di prestazione nel monitoraggio, nella previsione e nell'informazione. Conferma di ciò è stata la trasformazione del Centro Maree in Istituzione Centro Previsioni e Segnalazioni Maree, approvata con deliberazione di Consiglio Comunale n° 154 del 13 ottobre 2003, come riconoscimento dell'alto livello scientifico e tecnologico raggiunto attraverso la collaborazione con CNR, APAT, Servizio Meteorologico dell'Aeronautica e Servizio Idrografico e Mareografico Nazionale; con questa ulteriore novità è stata attribuita all'ufficio, da adesso "Istituzione", anche una maggiore autonomia economica e decisionale così da ampliare l'ambito di attività anche ai comuni limitrofi di Chioggia e Cavallino-Treporti.

 

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su