Premio Campiello

Premio Campiello

Il Premio Campiello Letteratura - CONFINDUSTRIA VENETO fu istituito nel 1962 dagli Industriali del Veneto. Fu assegnato per la prima volta il 3 settembre 1963, con una cerimonia che si svolse nel Teatro Verde dell'isola di San Giorgio Maggiore a Venezia. Vincitore il romanzo "La Tregua" di Primo Levi.

L'istituzione del Premio fu, all'epoca, un intervento imprenditoriale inedito in campo letterario: prefigurava un legame tra economia e cultura in un settore creativo e stimolante qual è la letteratura. Innovativa fu l'istituzione di una Giuria Popolare di 300 lettori, svincolata da condizionamenti ideologici e corporativi, cui è tuttora affidato il compito di scegliere il vincitore assoluto.

Oggi il Premio, uno dei più prestigiosi d'Italia, è uno strumento con cui gli Industriali veneti intendono promuovere lo sviluppo del mondo letterario italiano e la diffusione della pratica della lettura.
 
A una Giuria di letterati e critici vengono affidati due compiti: segnalare individualmente i migliori romanzi pubblicati nell'arco dell'anno; scegliere tra questi, in seduta pubblica, cinque finalisti, che si aggiudicano il "Premio Selezione Campiello".

Se sono i letterati a indicare i cinque migliori romanzi, è poi una giuria popolare, la "Giuria dei 300 lettori", a designare tra questi il vincitore assoluto, attribuendogli il "Premio Campiello". La Giuria dei 300 è composta da lettori appartenenti a varie fasce sociali, culturali e professionali di ogni parte d'Italia, rappresentativi di un campione di "chi legge" nel nostro paese. Nessuno può far parte di questa giuria più di una volta.
 
 
Visita il sito ufficiale del Premio Campiello.

 
 

Città di Venezia

Recapiti e contatti

Seguici su